Cultura

“Palermo apre le porte”, appuntamento a Monte Pellegrino

Foto Ufficio stampa

Arriva anche a Palermo la Scuola Foresta, un’esperienza grazie alla quale i bambini possono trovare nella natura l’ispirazione necessaria per sviluppare fiducia e autostima attraverso un apprendimento pratico, realizzato in un ambiente boschivo o in un habitat naturale.

L’appuntamento con la Scuola Foresta è domani, sabato 13 e domenica 14 aprile, dalle 9,30 in poi nella pineta di Monte Pellegrino, lungo via Padre Giordano Cascini (dopo il Santuario, sulla strada, in direzione della statua). Sono previsti quattro gruppi della durata di un’ora e mezza ciascuno (9.30 / 11.10 / 14.30 / 16.10).

Aperte le iscrizioni: le attività sono per un numero massimo di 15 bambini a turno, dai 3 ai 12 anni, per cui è necessaria la prenotazione ai numeri 331-3519149 / 331-2670337 o per posta elettronica all’indirizzo scuolaforesta.ilfrassino@gmail.com. La partecipazione è gratuita.

L’organizzazione è a cura della Scuola Foresta “Il Frassino” nell’ambito di “Palermo apre le porte”. Il progetto è nato con la collaborazione della quinta Commissione consiliare del Comune e con la’assessorato al Verde e alla Pubblica istruzione.

“L’iniziativa della Scuola Foresta, afferma il consigliere comunale Federica Aluzzo, rappresentante della quinta Commissione, rappresenta un momento di incontro e di crescita sociale ed individuale, in quanto i bambini potranno sperimentare il valore della natura e della relazione con il gruppo in un contesto, come quello di Monte Pellegrino, che insieme alla Favorita, rientra nel piano di recupero e rivalorizzazione dell’amministrazione”. “Ci impegneremo, prosegue, affinché, in futuro sempre più spazi verdi della città possano essere recuperati e posti al servizio della cittadinanza”.

La Scuola Foresta è un progetto educativo che ha l’obiettivo di attivare un processo di apprendimento continuo nel bambino, in modo rispettoso, in un contesto naturale come è la foresta. La filosofia della scuola foresta è quella di focalizzare l’attenzione su di un approccio che ottimizza i benefici emotivi, sociali e di sviluppo educativo del bambino. I tutor utilizzano strategie di insegnamento che favoriscono l’aumento dell’autostima, che sviluppano quel senso di fiducia e di indipendenza anche linguistica del bambino fondamentale alla comunicazione.
Introducendo i bambini/ragazzi ad un ambiente naturale; gli si mostrerà loro come rispettarlo. Un modo indiretto per invitarli al rispetto degli altri, di se stessi, dell’ambiente familiare e in definitiva della loro vita quotidiana.

I bambini apprenderanno come usare gli attrezzi per creare giocattoli naturali con una procedura precisa e sicura, come fare nodi per costruire un riparo e scopriranno se nella zona è possibile accendere un fuoco per cucinare all’aperto

L’attenzione per le attività all’aperto dà ai bambini l’opportunità di favorire la conoscenza di se stessi ed accrescere in loro il senso di responsabilità. Queste attività danno, infatti, la possibilità di sviluppare la loro concentrazione e pazienza, di imparare a focalizzarsi su un obiettivo e di lavorare in squadra, aiutando la loro creatività. In questa maniera, i bambini vengono incoraggiati nel proprio sviluppo emozionale, mentale e sociale

I bambini potranno anche esplorare la flora e la fauna della zona, facilitare il loro processo di apprendimento seguendo le loro inclinazioni naturali nelle diverse attività, affermare il proprio senso artistico, utilizzando materiali naturali e creando giochi naturali.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.