Scuola & Università

Palermo, A.O.Civico: nuovi posti letto per trattamento ictus

Direttore dell’unità operativa di Neurologia, Alfredo Mattaliano. Foto di Ignazio Cusimano

L‘Azienda Ospedaliera Civico “Di Cristina Benfratelli” di Palermo ha inaugurato oggi altri 4 posti letto nella Stroke Unit, a potenziamento dell’Unita Operativa di Neurologia. Diventano così 8 i posti letto disponibili per il trattamento immediato dell’ictus.

Il potenziamento dell’Unità è stato inaugurato in presenza del commissario straordinario dell’Arnas Civico, Carmelo Pullara, del  direttore sanitario, Renato Li Donni, e dal direttore dell’unità operativa di Neurologia, Alfredo Mattaliano.

Lo stesso direttore dell’unità operativa, Mattaliano, ha sottolineato che “la Stroke Unit, oltre ad avvalersi dell’organico del reparto di Neurologia, conta su 3 medici e 3 fisioterapisti, così come previsto per il trattamento dello stroke. Organico indispensabile per raggiungere gli obiettivi e i risultati”.

La terapia praticata nella Stroke Unit è trombolitica, unica in grado di risolvere l’ostruzione arteriosa, a patto che venga applicata entro le tre ore successive all’insorgere dei primi sintomi ischemici. Si calcola che l’unità operativa inaugurata nel 2008 ha potuto accogliere in regime di ricovero 928 pazienti, inoltre, la percentuale di occupazione di posti letto è prossima al 100%.

Il potenziamento della Stroke Unit consentirà di ampliare il raggio di azione e la disponibilità dell’unità operativa. Il commissario straordinario dell’Arnas Civico, Carmelo Pullara, a nostra specifica domanda sulle potenzialità e sugli obiettivi prefissati a seguito del suddetto ampliamento dei posti letto, risponde in maniera chiara: “Questi nuovi posti letto garantiranno all’unità di primeggiare nel meridione in merito al trattamento immediato dell’ictus cerebrale. A più ampio raggio, considerata l’efficienza, ad esempio, di altre Unità come l‘Ismett Palermo, la Stroke Unit migliorerà ulteriormente la leadership dell’Ospedale Civico nel Mediterraneo“.

I dati Agenas 2010-11 hanno dimostrato come il rischio di mortalità per ictus, in riferimento all’Ospedale Civico, sia inferiore al livello nazionale. Lo stesso Pullara sottolinea: “I dati Agenas, che valutano le performance di tutti gli ospedali nazionali, hanno premiato la nostra scelta di investire nella Stroke Unit. L’aumento dei posti letto (da 4 a 8) conferma la volontà di rilanciare la vocazione all’emergenza-urgenza, che caratterizza la mission dell’Arnas”.

Un’occasione unica per la città di Palermo, quella di dare una risposta concreta dal punto di vista sanitario contro una delle malattie cerebrovascolari a più alto tasso di mortalità, se si considera che in Sicilia, in media, muoiono circa 7000 pazienti affetti da ictus ogni anno.

Ignazio Cusimano

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.