Primo Piano

PALERMO: 69° ANNIVERSARIO DELL’ ECCIDIO DEI CARABINIERI A PASSO DI RIGANO

(di redazione) L’Assessore alla Cittadinanza Solidale, Giuseppe Mattina, ha partecipato stamani, in rappresentanza dell’Amministrazione comunale alla cerimonia di commemorazione del 69° anniversario della strage di Passo di Rigano dove, il 19 agosto del 1949, sette carabinieri, persero la vita ed altri dieci militari rimasero gravemente feriti in un attentato ordito dalla banda di Salvatore Giuliano.

Alle 10, in via Leonardo Ruggeri, è stata deposta una corona di fiori dinanzi al monumento che ricorda i militari caduti: Giovan Battista Aloe di Cosenza, Armando Loddo di Reggio Calabria, Sergio Mancini di Roma, Pasquale Antonio Marcone di Napoli, Gabriele Palandrani di Ascoli Piceno, Carlo Antonio Pubusa di Cagliari e Ilario Russo di Caserta.

Presenti il Comandante della Legione Carabinieri Sicilia Generale di Brigata Riccardo Galletta, il Comandante della 12° Reggimento Carabinieri Sicilia Colonnello Salvatore Sgroi, il Prefetto Vicario di Palermo Dott.ssa Giuseppa Scaduto e alte Autorità Cittadine.

“Sebbene siano passati tanti anni da quel preciso momento storico – ha detto il Sindaco Leoluca Orlando – la presenza dell’Amministrazione a fianco all’Arma dei Carabinieri è un modo per ricordare i caduti e ancora una volta ringraziare coloro che furono vittime di quell’attentato e dei tanti attacchi alle caserme condotti da Giuliano. Il ricordo del loro sacrificio si aggiunge ancora alla necessità di far luce su un periodo storico buio del nostro Paese e sul ruolo che il banditismo e lo stragismo mafioso ebbero nel determinare scelte politiche e istituzionali determinanti per la storia della Sicilia e dell’Italia”.

“La memoria di chi persegue la legalità e che opera per il bene comune – ha aggiunto l’Assessore Mattina – è un atto fondamentale per dare valore anche all’azione del presente. Un ringraziamento all’arma dei Carabinieri per il prezioso e continuo lavoro nel nostro territorio”. 

 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.