CronacaPrimo Piano

Palazzo delle Aquile: Istituzioni e Volontari a confronto; un dialogo che ha aperto la speranza di un futuro migliore per gli animali in città

foto di Massimo Brizzi

Un pomeriggio importante al Palazzo di Città dove nella sala consiliare, si è tenuta l’attesa assemblea pubblica per discutere riguardo: Canile Municipale, Attività Sanitaria, Randagismo, Sterilizzazione, Adozione Incentivate, Carta dei Diritti degli Animali, Zona Sgambature in Parchi Ville e Giardini, Guardie Zoofile.

Spinosi e impegnativi gli argomenti trattati che hanno visto nel corso degli anni, un’amministrazione più propensa ad affrontare le emergenze del giorno che a pianificare strategie per soluzioni a lungo termine; sempre più spesso sono state le Associazioni Animaliste e i volontari a interessarsi alle questioni inerenti abbandoni, ricoveri e cure ad animali in difficoltà affrontando persino gli oneri economici dettati dagli interventi portati a termine.

Nella riunione di ieri a Sala delle Lapidi che finalmente ha visto gli amministratori seduti di fronte ad associazioni e cittadini, si correva il rischio che anni di frizione e malcontento, facessero esplodere accuse e recriminazioni verso le istituzioni vanificando ogni forma di futuro dialogo.

Istituzioni rappresentate dalle massime autorità per specificità rispetto gli argomenti trattati, al tavolo dei relatori: Francesco Maria Raimondo Assessore e responsabile diritti degli animali, Giuseppe Gini Assessore all’urbanistica, Domenico Musacchia dirigente settore Ville e Giardini, Maurizio Pedicone dirigente responsabile dei diritti degli animali, Maria Concetta Ansaldi dirigente “Igiene Urbana Veterinaria”Assessorato regionale alla Salute, Giuseppe Medici commissario comandante Nucleo Cinofili Polizia Municipale di Palermo, Francesco Francaviglia Medico Veterinario dirigente Asp Palermo,Aurelio Scavone capogruppo al Consiglio Comunale Mov139,Filippo Occhipinti capogruppo al Consiglio Comunale Italia dei Valori,Nadia Spallitta  Vice Presidente Consiglio Comunale , Angelo Figuccia consigliere Gruppo Misto.

I rappresentati delle più note Associazioni Animaliste nazionali, con una sede a Palermo, Elena La Porta Lega Difesa del Cane, Laura Girgenti, Ufficio Garante Diritti degli Animali (UGDA), Alessandra Musso Lega Italiana dei Diritti dell’Animale (Lida), Salvo Libero Barone Lida, Ilenia Rimi Un Atto d’Amore Onlus (Uada), Claudia Palazzolo Associazione Love for Animals (Alfa),Patrizia Pavone Sos Primo Soccorso, Sabrina Figuccia Associazione Cambia La Sicilia, Maria Celeste Patti e Salvatore Bisanti responsabili del noto gruppo fb Gatti o Canuzzi Scomparsi e da Adottare Palermo, insieme a tanti appassionati amanti degli animali seduti tra i banchi del Consiglio Comunale.

Moderatrice dell’impegnativa discussione Federica Aluzzo, Consigliera al Comune in forza al Mov.139, ideatrice della giornata alla quale va riconosciuto il merito di aver posto la prima pietra per una collaborazione duratura nel tempo tra amministratori e volontari.

Tre ore piene dove ciascuno ha avuto la possibilità di esprimere la propria posizione, a volte con un filo di nervosismo ma sempre con il proposito di dare una svolta alla precaria situazione degli animali in città.

La mancanza di fondi destinati agli animali per la soluzione dei problemi ormai incancreniti, questo il punto di partenza e il dato da cambiare. Maria Concetta Ansaldi Igiene Urbana Veterinaria Assessorato Regionale alla Salute, ha infatti evidenziato che il contributo versato dallo stato nelle casse della Regione Sicilia negli ultimi due anni per questa voce, è di appena ventitremila euro l’anno per tutta la Sicilia. Ha continuato affermando che fondi non spesi per la costruzione di Canili mai edificati, torneranno presto nelle casse della regione e si potrebbe proporne il reimpiego per gli argomenti del giorno.

Una nuova area per il Canile Municipale ormai prossimo allo smantellamento per una ristrutturazione attesa da tempo. Individuata a detta di Domenico Musacchia dirigente Ville e Giardini nella zona di Fondo Inserra dove quarantacinque mila metri quadri di terreno confiscato alla mafia, potrebbero essere utili allo scopo.

Una maggiore sensibilizzazione nelle scuole spiegando l’impegno che prevede la cura e la gestione di un cane, ha fatto notare Francesco Francaviglia Medico Veterinario Asp che ha anche rilevato come sia importante  sterilizzare gli animali.

Filippo Occhipinti capogruppo di Italia dei Valori, ha fatto notare che le voci in bilancio comunale sul benessere animale sono da modificare.

Giuseppe Medici comandante del Nucleo Cinofili Polizia Municipale, ha specificato i compiti della sua unità preposta a svolgere operazioni di protezione civile, prevenzione crimine, e controllo ville e giardini,  sempre disponibile comunque a continuare a supportare i volontari per le singole emergenze sul territorio compatibilmente agli impegni di servizio del momento.

Giusy Scafidi Presidente quarta commissione Comune di Palermo,ha sottolineato quanto costi all’Amministrazione spostare un cane del Canile in altre strutture fuori città o addirittura fuori Regione.

Ilenia Rimi referente Uada ha parlato dei debiti contratti dai volontari con cliniche e rifugi e Salvatore Libero Barone si è detto indignato e vergognato delle condizioni degli animali a Palermo.

Gli interventi hanno continuato per l’intero pomeriggio ma è stata Elena La Porta Lega Difesa Diritti degli Animali e consulente al Comune di Palermo per i diritti degli animali, a sintetizzare con un suo documento condiviso da amministratori e volontari i punti chiave da trattare per dare la svolta.

Queste le proposte della Consulente al Comune per i diritti degli animali: Crezione in collaborazione con l’ordine dei medici veterinari,di una rete di professionisti convenzionati con il Comune allo scopo di fornire agli animali in possesso dei cittadini meno abbienti cure e sterilizzazioni a prezzi accessibili; inserimento nelle scuole di moduli che trattino del possesso consapevole di un animale,delle responsabilità etiche civili e penali che ne conseguono e del fenomeno del randagismo;potenziamento e maggiore informazione dei nuclei di vigilanza delle forze dell’ordine ed in particolare quella di Polizia Municipale destinati al controllo del territorio verificando la presenza di microchip ed intervenendo sulle segnalazioni di reati nei confronti degli animali quali il maltrattamento e l’abbandono;creazione di un fondo economico per affrontare le spese di viaggio dei cani del canile comunale, affidati grazie all’intervento degli animalisti;creazione di un database con i nominativi degli animalisti e dei cittadini che vogliono proporsi a controllare e monitorare in collaborazione con il Comune i cani del loro quartiere segnalando criticità di qualsiasi natura;database di animalisti disposti ad accogliere in affido temporaneo in convenzione con il comune, i cani e i gatti che non possono essere accolti al Canile Comunale; creazione di un circuito di rifugi satellite valorizzando le strutture già esistenti a Palermo e gestite da associazioni animaliste accreditate,nei quali poter accogliere in convenzione con il Comune, i cani e i gatti che non possono essere ospitati al canile Comunale;riguardo la ricerca di strutture dove trasferire i cani, sono da preferire in sede di ricognizione strutture gestite da associazioni animaliste in aree non afflitte da randagismo per aumentare le possibilità di adozioni.

Francesco Figuccia unico consigliere di opposizione presente in aula, ha dato la sua disponibilità in virtù dell’amore per gli animali che lo contraddistingue.

Il venticinque maggio ancora un tavolo tecnico in prefettura per affrontare le importanti questioni già trattate.

Nuovo appuntamento a breve per questa costruttiva assemblea che tornerà a incontrarsi a Sala delle Lapidi nei giorni successivi all’incontro in prefettura.

“Oggi si è accesa una tenue fiammella di speranza- afferma Salvatore Libero Barone, “volontario da strada”, Lida Palermo,speriamo per il bene degli animali non sia solo un’illusione.”

Massimo Brizzi 

[nggallery id=97]

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Un Commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.