Esteri

Orrore in India: non ha figli maschi e il marito l’avvelena

Foto internet

Costretta dal marito e dai parenti a ingerire un potente veleno. La sua colpa? Quella di non riuscire a dare alla luce dei figli maschi. Questa terribile storia arriva dal villaggio di Siya, nello Stato di Madhya Pradesh. Protagonista della triste vicenda una giovane sposa indiana di 28 anni, di nome Sadhna, morta per mano di chi avrebbe dovuto starle accanto.

Come riporta il quotidiano “The Times of India”, il padre della vittima, Phool Singh, racconta che fin dai primi anni di matrimonio la donna aveva subito forti pressioni: prima per un aumento della dote pattuita, e poi per il fatto di non riuscire a concepire figli.

Nonostante Sadhna abbia dato alla luce due figlie, il marito e i parenti di lui hanno deciso di ucciderla perché il maschio non è mai arrivato: “L’hanno prima picchiata selvaggiamente, obbligandola poi ad ingerire il veleno”, riferisce il giornale.

La donna è morta mercoledì dopo essere riuscita a raccontare le torture a cui era stata sottoposta.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Un Commento

  1. Ma l’ignoranza è sempre cosi alta?
    Capre di individui(e sfido chiunque a dire che la mia non sia una constatazione oggettiva), come dipendesse dalla donna il sesso del nascituro…
    Chiunque abbia fatto le scuole dell’obbligo può ricordare che il cromosoma che determina il sesso è dovuto dal padre non dalla madre che possiede “solo” XX…
    Insomma se il padre vuole trovare il colpevole delle solo figlie si guardi allo specchio e si avveleni pure…
    Personalmente se vogliono seguirli anche quelle “cime”dei parenti credo dormirei meglio…
    Triste quanto siano ignoranti alcuni…

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti Potrebbe Interessare:

Close