Politica

Orlando: “Giovanna Marano non ha nulla a che fare con le tre scimmiette”

Giovanna Marano chiude la sua campagna elettorale in piazza Verdi a Palermo, davanti il teatro Massimo. Dopo la musica classica di ‘Palermo city young orchestra’ e la band ‘Ciao Beatrice’ è arrivato duro e schietto dal palco l’intervento del sindaco Leoluca Orlando: “Siamo riusciti a liberare Palermo, adesso dobbiamo liberare la Sicilia. La nostra candidata Giovanna Marano – ha proseguito – non ha nulla a che fare con le tre scimmiette, che sono uno fotocopia dell’altro: Crocetta ha sostenuto in maniera ignobile il governo Lombardo; Micciché è l’uomo di Dell’Utri e Musumeci è l’uomo di Berlusconi che in 11 anni ha distrutto l’Italia”.

Sul palco sono intervenuti anche Antonio Di Pietro, Rita Borsellino, Angelo Bonelli, Gennaro Migliore e Paolo Ferrero.

La location scelta dalla Marano, Piazza Verdi, è stata in questi giorni oggetto di polemiche da parte di Fabrizio Ferrandelli , candidato all’Assemblea regionale, che ha accusato l’Amministrazione comunale di usare pesi e misure diverse a seconda dei candidati. Fino a poche settimane fa, infatti, un’ordinanza comunale ne vietava l’utilizzo per scopi elettorali.

Questa sera, comunque, la piazza ha accolto un buon numero di persone che ha seguito in modo partecipato gli interventi e gli altri due momenti musicali con le band Taligalè e Akkura.

A chiudere la serata naturalmente l’intervento della candidata alla Presidenza, Giovanna Marano.

Valentina D’Anna

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Un Commento

  1. Orlando parla di liberare la Sicilia come Palermo??? forse non ha visto in che stato è la città… con lui sta solo peggiorando! e poi ho seguito la questione della piazza che ha giustamente sollevato Ferrandelli. Come pensano di governare, con la solita regola del favorire gli amici??? perchè solo questo lui sa fare…

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.