Primo Piano

Ordine choc del Comitato Faunistico: “Sparate prima ai cuccioli, poi alla madre”

Foto internet

Il Comitato Faunistico del Trentino lancia una prescrizione choc riferendosi alla caccia a cervi e caprioli: “Sparate prima ai cuccioli, poi alla madre”.

I cacciatori però negano la paternità del regolamento e la attribuiscono agli ambientalisti presenti nel Comitato.

Adriano Pellegrini, un rappresentante dell’Ente provinciale protezione animali e ambiente, spiega come la sua sia una “richiesta da animalista”, precisando che il rappresentante del WWF ha votato come lui.

Sin da subito sono partite le prime critiche al provvedimento soprattutto da parte dei cacciatori: Gianpaolo Sassudelli, presidente dell’associazione cacciatori trentini, afferma infatti che “una simile prescrizione ci porterà tantissimi problemi.”

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

3 commenti

  1. Il pezzo lascia solo supporre, e forse sarebbe meglio chiarire questo fondamentale passaggio, che i cuccioli senza più madre sono destinati a morire lentamente dopo lunga dolorosa agonia. Dunque la prescrizione sarebbe: non uccidete mai un esemplare che abbia cuccioli. Ma, deduco e suppongo, si finirebbe per uccidere in prevalenza esemplari maschi, con refluenze negative sulla riproduzione. Allora la prescrizione che propongo è la seguente: non cacciate, lasciate in pace le bestie limitatevi a fotografarle, che è una bella caccia all’immagine più bella…poi fate un concorso e premiate l’autore che ha colto il momento più bello, commovente, significativo…perchè noi sappiamo che i cacciatori amano moltissimo la natura. Solo che non lo sanno esprimere correttamente. Aiutiamoli.

  2. Piena adesione alla prescrizione manifestata da Pietro, sulla opportunità di deviare il fuoco di certi bastardi dalla fauna ai suoi nemici, a quei vigliacchi che con potenti armi da fuoco moderne, spengono tenere esistenze di bestiole inoffensive, che hanno assoluto diritto di vivere nel loro ambiente. Sono uno strenuo sostenitore dei cacciatori che, divisi in due gruppi contrapposti, si cercano nella campagna o fra i boschi e appena si avvistano pum! si sparano. Vince chi fa fuori un maggior numero di contendenti.
    Che scenario incantevole. Sarebbe il caso di farci un pensierino.

  3. Mi auguro ci sia una prescrizione che consenta di sparare ai cacciatori e poi ai loro figli……è una vergogna assoluta…..

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.