CulturaPrimo Piano

Opere d’arte dagli scarti industriali: al via progetto “Scarti d’autore”

Una delle opere realizzate da Margherita Marchioni all’Orto Botanico di Palermo

Si inaugura oggi il progetto “Scarti d’autore: il riuso dei rifiuti nei processi produttivi” curato da AMORlab – Arte Moda Oggetti Riuso – in collaborazione con Confindustria Sicilia. Obiettivo è quello di valorizzare i materiali di scarto, i prodotti non perfetti e gli oggetti senza valore, per accedere all’idea di nuove possibilità di comunicazione e creatività. Dare un’altra forma a ciò che nel quotidiano non è più bello né utile, e far sì che l’oggetto diventi altro: non più scarto che affolla e sporca il mondo circostante ma “oggetto nuovo”, poiché dotato di nuovi usi e significati.

Da questa collaborazione fra il mondo dell’arte e quello delle imprese è nata la mostra “METALBOTANICA”: interventi site specific dell’artista romana Margherita Marchioni, ospitati nei giardini dell’Orto Botanico di Palermo, e capaci di dialogare le opere Justin Bradshaw, artista londinese che propone dipinti in lastre di rame di 10 centimetri realizzate ad olio.

Di fondamentale importanza nel dialogo degli artisti con il territorio è stato il coinvolgimento delle aziende siciliane e, in particolare, della Salerno Packaging, Cappello Group e gruppo Catanzaro, che hanno aperto le porte delle loro imprese e fornito i propri materiali di scarto. Margherita Marchioni ha poi intrapreso la lavorazione dei materiali coinvolgendo un gruppo di studenti del corso di decorazione dell’Accademia di Belle Arti di Palermo, selezionati per questo workshop tematico da Antonella Amorelli, ideatrice del progetto artistico, e Luciana Giunta, direttrice dell’Accademia di Belle Arti.

Alla presentazione del progetto hanno preso parte Giuseppe Catanzaro,  vicepresidente di Confindustria Sicilia e presidente del gruppo Catanzaro; Nino Salerno, vicepresidente di Confindustria Sicilia e presidente della Salerno Packaging e Litografia su metalli; Sergio Marino, presidente della Rap; Nino La Spina, docente di valutazione delle politiche pubbliche della LUISS; Luciana Giunta, direttrice dell’Accademia di Belle Arti di Palermo; Antonella Amorelli direttore artistico di AMORlab – Arte Moda Oggetti Riuso; e gli artisti Margherita Marchioni e Justin Bradshaw.

Unanime il messaggio: la necessità di creare una coscienza critica sul riutilizzo dei rifiuti finora considerati quasi sempre un fastidio e non una opportunità. “Il mondo delle imprese – hanno detto Catanzaro e Salerno – deve guardare alla tutela dell’ambiente ed è necessario che i ragazzi imparino ad avere un approccio nuovo e diverso nei confronti di questo tema”. Non a caso il progetto ha previsto anche il coinvolgimento delle scuole del territorio attraverso fasi laboratoriali e didattiche: i bambini della città avranno infatti modo di sperimentare l’approccio creativo della Marchioni attraverso vari laboratori all’interno del percorso “RiciclArte”, curato da Dudi – libreria per bambini – presso l’Orto Botanico: la mattina l’appuntamento sarà riservato ad alcune classi di scuole primarie del territorio, mentre nel pomeriggio, alle 17, si terranno laboratori aperti al pubblico.

GUARDA IL SERVIZIO DI ZERONOVEUNO TV

Tags
Moltra altro

Articoli Correllati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.