Politica

“No alla macelleria sociale sui lavoratori Asu”

Il vicepresidente della provincia di Palermo Pietro Alongi (foto Internet)

Le legittime rivendicazioni dei lavoratori Asu non possono diventare mercimonio della campagna elettorale regionale. La politica non può e non deve sfruttare le prossime elezioni regionali per lanciare illusioni”. A dirlo è il vicepresidente della Provincia di Palermo Pietro Alongi, in relazione alla prossima scadenza, il 31 ottobre, del contratto dei circa 6mila lavoratori Asu (Attività socialmente utili) siciliani.

Negli scorsi giorni l’Assemblea regionale siciliana ha detto no all’approvazione del disegno di legge 938/A, che prevedeva lo stanziamento di 13 milioni di euro per compensare il Fondo Unico per il Precariato, consentendo la certezza dei pagamenti dei sussidi Inps relativi ai mesi di novembre e dicembre 2012. Il rischio è che, dopo ottobre, nessuna proroga possa essere fatta e che venga meno il sussidio di circa 500 euro mensili per questi lavoratori indispensabili all’attività istituzionale nei Comuni e che contribuiscono alla vita delle parrocchie e del Terzo settore.

“Temo – continua il vicepresidente Alongi – che qualcuno dei candidati alle prossime elezioni del 28 ottobre sfrutti quello che sta accadendo per fare carne da macello per i propri interessi di potere. Auspico che il governo regionale faccia proprio il senso di moralità politica e non lasci questi lavoratori con il cappio al collo, giocando con i bisogni della gente”.

Il vicepresidente della provincia di Palermo Pietro Alongi parteciperà giovedì 23 agosto alle 17 a Villafrati in piazza Umberto I a una manifestazione in favore dei lavoratori Asu.

Comunicato Stampa

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.