ArteEventiPrimo Piano

Nina Silverberg presenta BLIND a Noto il 10 luglio in via Nicolaci

 

Nina Silverberg

(di redazione) Il colore può essere del tutto istintivo. Nel mio lavoro il colore è un modo istintivo di comunicare gli opposti.Sicurezza, pericolo; immobilità, paura; dentro, fuori. In che modo il colore può comunicare questi opposti e in che modo la forma può contribuire a farlo?

In termini coloristici uso una tavolozza smorzata per comunicare un’energia silenziosa nel lavoro. Questa scelta crea anche un senso ambivalente di ciò che è dentro/fuori.In termini di forma, presto attenzione ai bordi del colore dove l’ordine si dissolve e interno ed esterno s’incontrano. Questi limiti fisici sono talvolta manifestati attraverso il soggetto del mio lavoro: elementi architettonici come finestre, persiane, passaggi e cancellate. Altre volte il soggetto del lavoro è più distante, all’orizzonte.

Le mie opere sono astratte, a volte minimaliste anche quando alcuni tratti figurativi sono presenti. Questi elementi non solo suggeriscono il soggetto iniziale ma permettono anche di interpretare apertamente il mio lavoro, posto tra l’astratto e il figurativo.Come luogo di orrore e bellezza combinati, spero che il mio lavoro permetta allo spettatore di negoziare la propria posizione tra questi opposti.

Nina Silverberg è un’artista italo-americana di 25 anni che vive a Londra. Nel 2018 si è laureata in Belle Arti alla City and Guilds of London Art School. Le sue mostre più recenti includono “We can Only Have Fun on Certain Days” con la collettiva Warbling e “Picnic”, al Subsidiary Projects di Londra.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.