Cronaca

Nato da incesto e soffocato con carta igienica. Accusati madre e padre-nonno

Foto internet

Il caso del neonato trovato morto in provincia di Iglesias-Carbonia nel 1996 è stato riaperto lo scorso anno e si è fatta luce su una storia drammatica. Il bambino era nato da un incesto, figlio di una donna e di suo padre, e la sua morte fu provocata dal soffocamento a causa di sette metri di carta igienica in gola.

Un medico, uno dei primi che vide il cadavere, è stato ascoltato come testimone: è stato lui a confermare l’orribile morte del bambino. Il padre-nonno della vittima, accusato di omicidio, è stato condannato in primo grado a 20 anni di reclusione con rito abbreviato.

Questa tragica storia venne alla luce quando un automobilista notò, nel 1996, il cadavere del bambino abbandonato per strada.Solo lo scorso anno un parente ha denunciato dei particolari che hanno dato permesso ai carabinieri di identificare la madre e il padre del bambino. L’uomo è un pensionato di 71 anni che ha negato tutto, ma a incastrarlo c’è il test del Dna. La madre ha raccontato di aver partorito da sola nel bagno di un ospedale e poi di aver dato il neonato vivo al padre. Il processo nei confronti della donna continua in questi giorni a Cagliari.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.