Primo Piano

Napoli, non si ferma al posto di blocco. Nomade rimase ucciso

Polizia stradale (foto internet)

Rimasto ucciso un rom in un conflitto a fuoco con la polizia stradale nel territorio di Giugliano, a Napoli.

Secondo la ricostruzione della Polizia un’auto ‘Opel Kadett’, con tre o quattro rom a bordo, non si è fermata all’alt della Stradale, ferma al km. 10 dell’Asse Mediano, anzi ha tentato di investire un agente. E’ scattato l’inseguimento e poi il conflitto a fuoco tra poliziotti e nomadi.

Gravemente ferito uno dei nomadi, i compagni lo hanno abbandonato all’ospedale di Giuliano dove è deceduto. Poi sono fuggiti.

La Polizia sta verificando l’identità della vittima, ma secondo le informazioni fornite dalla famiglia l’uomo dovrebbe essere Andrea Mesovic, 21 anni e padre di tre figli. Risiedeva al campo 13 di Giugliano, in località Ponte Riccio.

Dopo la tragedia alcune decine di nomadi rom dell’accampamento  si sono recati all’ospedale San Giuliano, dove le forze dell’ordine hanno fatto affluire rinforzi.

Sul luogo della sparatoria, nei pressi dell’uscita di Casacella, sono in corso i rilievi della Polizia Scientifica. Nella zona al momento dell’incidente c’erano auto della Polizia stradale e della Polizia di Stato che stavano effettuando dei controlli dopo una serie di rapine avvenute nei giorni scorsi.

La polizia sta svolgendo indagini per identificare le altre persone che si trovavano all’interno della vettura.

 

 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.