Cinema-Teatro-Musica

Musica. Morandi, Zero, Biondi: “canzoni e lacrime” in ricordo di Lucio Dalla

(foto internet)

 

(AGI) Bologna – “Ciao Lucio, la tua piazza, Piazza Maggiore, Piazza Grande… Bologna ti saluta”: cosi’ Gianni Morandi, dopo aver cantato la canzone “Vita” virtualmente insieme a Lucio Dalla, il cui volto veniva proiettato sui palazzi della piazza mentre la sua voce risuonava inconfondibile nell’aria, ha dato il via ieri sera al grande concerto in Piazza Maggiore a Bologna in ricordo del cantautore scomparso. Un inizio emozionante, cui la piazza ha risposto con un fragoroso applauso. “Sono passati settant’anni da quel 4 marzo ’43 – ha detto ancora Morandi ricordando che oggi sarebbe stato il 70° compleanno di Lucio – noi siamo qui per salutarti ma anche per festeggiarti, perché la tua musica e’ vita e ci accompagnerà sempre”.

Dopo Morandi e’ entrato subito in scena Renato Zero con le struggenti note di “Caro amico ti scrivo“. “Credo che sia un mentore, una voce fuori dal coro che ha insegnato tante cose”: così Mario Biondi ha ricordato Lucio Dalla spiegando che il cantautore bolognese rappresenta per lui “ma credo, per l’Italia intera, un artista incommensurabile, un genio e una persona splendida”. L’inconfondibile voce di Mario Biondi ha cantato poi la celebre canzone di Dalla “Futura“. “Faccio ‘Futura’ dal vivo con la mia band – continua Biondi – da diverso tempo e che devo dire, è una meraviglia! Le canzoni di Dalla che avrei voluto cantare? Tutte. Man mano le ho cantate in passato e magari continuerò a farlo in futuro”.
“Era il genio, la follia la libertà” cosi’ Marco Mengoni, neo vincitore di Sanremo, ha definito Lucio Dalla. “Io volevo cantare ‘Canzone‘ – ha spiegato Mengoni che invece sul palco ha interpretato ‘Tu non mi basti mai‘ -, pero’ me l’ha fregata un altro mio collega: pero’ va benissimo, l’importante e’ essere qui e non far vedere quel che siamo noi ma quello che era lui e quello che ha scritto, perché ne ha scritte veramente tante e ne ha scritte di belle”.

Oggi nasceva un altro indimenticabile Lucio, Battisti, ma questa è un’altra musica.

 

Comunicato stampa

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.