Politica

Migrazione, Iacolino: “Sgomberare tendopoli e ridurre tempi”

Foto ufficio stampa

I tempi lunghi per l’accertamento della condizione di rifugiato rendono drammatica la situazione dei profughi in particolare quelli che vivono nelle baraccopoli nate all’esterno delle strutture di accoglienza di Pian del Lago (Cie e Cara). L’area adiacente alle strutture sportive, ad un passo da quelle dedicate ai profughi e ai migranti, rappresenta un vero e proprio “ghetto” abitato da circa 150 migranti, quale “serbatoio” per nuovi ingressi al Centro per richiedenti asilo”.

È quanto dichiara l’europarlamentare (Ppe–Forza Italia) e vicepresidente della Commissione LIBE, Salvatore Iacolino, alla fine della sua visita a Pian del Lago (Caltanissetta).

Insieme al consigliere comunale nisseno di FI, Oscar Aiello, e accompagnato da rappresentati della Prefettura a dai gestori delle strutture di accoglienza, l’onorevole Iacolino ha visitato i centri dipendenti dal Ministero dell’Interno e di seguito ha potuto constatare la drammatica situazione igienico-sanitario e i rischi in termini di ordine pubblico degli accampamenti di fortuna nati all’esterno del centro d’accoglienza.

Il Comune e la Prefettura dovrebbero procedere allo sgombero delle tendopoli sorte abusivamente con pregiudizio al decoro della persona e con inevitabili conseguenze anche in materia di sicurezza dei cittadini in una zona dove è carente l’illuminazione pubblica. In ballo – aggiunge Salvatore Iacolino – ci sono due diritti fondamentali: quello di un trattamento umano per chi richiede il riconoscimento dello status di rifugiato e, dall’altro, il diritto alla sicurezza per gli abitanti di Caltanissetta. È necessario ascoltare, infatti, anche il grido d’aiuto lanciato dalla popolazione che chiede il ritorno alla normalità nel quartiere, con la piena fruizione delle strutture sportive oggi abusivamente utilizzate dai migranti come tendopoli”.

“Il Governo nazionale – continua Iacolino – deve intervenire per ridurre i tempi della valutazione delle richieste di asilo: attualmente, in media, l’esame dell’istanza interviene dopo circa 11 mesi. Una cornice europea solidale con la condivisione degli oneri da parte di tutti gli Stati membri – che è l’obiettivo da centrare in Europa – non può distogliere l’attenzione sulle inadempienze del nostro Paese: semplificazione delle procedure, riduzione dei tempi di attesa e sgombero di strutture fatiscenti debbono essere realizzati senza ulteriore indugio”.

La situazione è più grave di quanto si pensasse” è stato il commento del consigliere Aiello che ha aggiunto: “Ringraziando l’onorevole Iacolino per l’interessamento, incalzeremo costantemente sindaco e Prefetto per lo sgombero immediato degli accampamenti a cominciare da quello degli impianti sportivi di Pian del Lago. Ciò che avviene all’interno di questa struttura abusiva è sconcertante anche per il rischio epidemie e ordine pubblico, con questi migranti abbandonati a se stessi. Bisogna restituire subito – ha concluso Aiello – questa importante struttura sportiva agli abitanti di Caltanissetta”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.