CronacaPrimo Piano

Miccoli: “Chiedo scusa alla città di Palermo. Non sono mafioso”

Fabrizio Miccoli parla in conferenza stampa. Si presenta davanti le telecamere commosso dispiaciuto per tutta la vicenda: “Sono un padre di famiglia e voglio crescere i mie figli nella legalità. Sono un calciatore e non sono mafioso”.

“Per me è un giorno importante, dopo tutto quello che è successo sono tre notti che non riesco a dormire perché sono uscite delle cose che io non penso assolutamente e l’ho dimostrato anche con i fatti, scendendo in campo nel 20esimo anno della morte di Falcone. Sono qui per chiedere scusa alla città di Palermo, alla mia famiglia che mi ha fatto crescere in un contesto di valori e di rispetto.

Sono vent’anni che faccio questo lavoro. Sono andato via da casa a 12 anni per fare questo lavoro. Sono un padre di famiglia e voglio crescere i mie figli nella legalità. Sono un calciatore e non sono mafioso. In questi anni anni sono stato amico di tutti in modo spontaneo senza pensare a cosa andavo incontro. Sono contento che sia uscito tutto perché per me può essere importante. Spero che in futuro mi possiate perdonare”

“Ho sentito la signora Falcone, mi ha detto che era sufficiente che chiedessi scusa alla città e io vorrò rendermi utile come testimone ad azioni di legalità. A 34 anni devo mettere da parte le mia ingenuità da bambino e le sciocchezze, devo pensare di più alla vita vera, a mia moglie e ai miei figli”

Sulle sue frequentazioni mafiose prende la parola l’avvocato Caliandro per dichiarare che non possono rispondere in quanto ci sono delle indagini in corso.

“Ho sbagliato perché ho cercato di essere non Miccoli il capitano, ma Fabrizio con tutti. Sperando di trovare dall’altra parte persone pulite, che mi avrebbero potuto dare amicizia vera. Sono qua davanti a tutti. Spero si ricordino chi sono e cosa ho fatto per questa maglia. Difficile perdonarmi subito, spero più avanti di farmi perdonare coi fatti”.

Miccoli prima di andare via piangendo dice: “Ho sentito Gattuso, mio grandissimo amico. Gli auguro che possa portare di nuovo il Palermo in serie A. Grazie a tutti”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.