Cronaca

Meteorite a Palermo: tutta una bufala?

Meteorite, foto internet

Che stia accadendo sul serio? Sta veramente finendo il mondo e i Maya avevano ragione? La profezia dei Maya che prevede la fine del mondo per il prossimo 21 Dicembre sembra dare un senso di inquietudine a tutti.

La luminosa scia rossa sul cielo di Palermo e il successivo ritrovamento della pietra nera protagonista di questi giorni, fanno pensare a qualcosa di sovrannaturale, magico, tragico che si sta imbattendo sul nostro pianeta.

L’allarme pietra nera è scattato lo scorso fine settimana, nel quartiere di Brancaccio. Una bambina avrebbe visto dal balcone di casa una forte luce rossa in cielo. Incuriosita dal fenomeno, è andata a cercare quel qualcosa e ha trovato, in un campo, un masso. Nel raccoglierlo, ha usato un giornale che al contatto con la pietra si è bruciato.

E’ stata chiamata la polizia e dopo le prime analisi si è confermato che la pietra non è radioattiva. Si tratterebbe, forse, di un piccolo meteorite, probabilmente staccatosi dall’asteroide Toutatis, passato nei giorni scorsi vicino alla terra. La pietra nera è stata consegnata all’istituto di vulcanologia che effettuerà ulteriori verifiche.

Sergio Gurrieri, direttore della sezione dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia del capoluogo siciliano afferma: “Da una prima, superficiale, analisi la pietra non sembrerebbe un meteorite. È troppo leggera e non ha lasciato solchi sul terreno. Nei prossimi giorni sapremo qualcosa di più”. Così aveva detto Gurrieri, fino a ieri, ma le notizie dell’ ultim’ ora rassicurano tutti che la pietra nera è stata una totale bufala.  Il meteorite, una volta messo in acqua, pare che galleggiasse. Sarebbe infatti  solamente un pezzo di legno, e anche mezzo bruciacchiato. Forse qualcuno avrà acceso il camino e lanciato  gli avanzi  dalla finestra.

E allora forse il mondo non finirà… forse abbiamo qualche speranza di salvezza. Non ci resta che aspettare il 21 Dicembre.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.