Cinema-Teatro-MusicaPrimo Piano

Meglio la terra: l’ultimo lavoro degli Nkantu d’Aziz, dal Ranchibile per scuotere le coscienze

 

Ieri sera in scena dal Don Bosco Ranchibile gli Nkantu d’Aziz con il loro secondo album “Meglio la Terra”.

L’energia esplosiva di Totò Grilletto e della sua band insieme ai numerosi artisti intervenuti e coinvolti nell’esibizione musicale, ha trasformato il battesimo dei brani in una festa della musica.

Ritornare alla semplicità delle origini attraverso la praticità che regala il contatto con la terra, messaggio diretto ed inequivocabile per sensibilizzare le coscienze di uomini troppo presi dall’effimero ed a volte coinvolti nel malaffare ; in un mondo dove la velocità della globalizzazione ha fagocitato la vera essenza dell’uomo.

Così gli Nkantu d’Aziz nei 15 brani inediti accendono i riflettori su integrazione, crisi d’identità, modelli di vita sbagliati e destini disperati che colpiscono gli uomini dei nostri tempi.

Forti messaggi trasmessi con il veloce ritmo degli strumenti che non concede pause ma fonde il folk rock con venature balcaniche degli Nkantu d’Aziz a concetti etici di mirabile significato.

Due ore abbondanti bevute d’un fiato insieme a Nkantu d’Aziz: Totò Grilletto voce , Gjin Schirò  Chitarra Elettrica/Chitarra Acustica/Cori, Ivano Minutella – Basso, Fabio Pellitteri – Batteria, Fabio Passiglia – Sax Alto/Sax Tenore/Sax Soprano, Salvatore Spera – Clarinetto/Tastiere.

Special guest della serata: Francesco ‘Fry’ Moneti (Modena City Ramblers) – Violino/Chitarra Elettrica/Mandolino Elettrico, Davide ‘Dudu’ Morandi (Modena City Ramblers) – Voce, Giuseppe Milici – Armonica, Aldo Oliveri – Tromba, Pierpaolo Petta – Fisarmonica, Marianna Costantino – Voce, Cocò Gulotta – Voce, Simon Cipolla Ata Project strumentale.

Cori: Silvia Clemente, Magda Loriano, Giuseppe Polizzi, Enza Puccio, Nicoletta Lo Piparo.
Tromba: Nicolò Di Matteo
Percussioni: Giovanni Militello e Zoi Do Nascimento.

Tutti per una sera parte degli Nkantu d’Aziz e così la musica ha trionfato unita dall’amicizia di un gruppo di uomini e donne che insieme a Totò Grilletto e ai suoi musicisti ha beneficiato della inesauribile e significativa presenza di Cocò Gullotta, della sua voce e della coinvolgente grinta artistica.

Ed ancora Marianna Costantino e la sua particolare  voce pronta ad evocare jazz and blues.

Ogni artista sul palco con la sua eccezionale peculiarità , un esperimento musicale riuscito, un vero dono fatto al pubblico intervenuto.

Massimo Brizzi

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.