Primo Piano

May-Day dalla musica ai fatti. Al Castello a Mare di Palermo in 5.000 hanno sfidato la pioggia per partecipare all’evento.

La somma ricavata servirà a finanziare un pieno di carburante della Mare Jonio. Daniele Silvestri: “Il sentimento che ci appartiene è quello di essere cittadini di questo mondo, ovunque sia”

May-Day. Daniele Silvestri

(di redazione) Una carica di 5mila persone dal Castello a Mare di Palermo ha detto “no” alle politiche
migratorie dell’attuale governo e “sì” all’accoglienza, all’umanità, alla solidarietà. Sono stati
tantissimi i giovani che in occasione del May-Day, la maratona musicale pensata per sostenere le
missioni umanitarie di Mediterranea, hanno sfidato la pioggia per partecipare all’evento che ha
permesso di ricavare la somma necessaria a un pieno di carburante della Mare Jonio.

May-Day. O Zulù

Più di 30 gli artisti sul palco, insieme a tantissime associazioni e volontari, che hanno sposato l’iniziativa
esibendosi a titolo gratuito. I proventi andranno a finanziare anche le trasferte di una rappresentanza
di ragazzi delle periferie palermitane che parteciperanno ai prossimi mondiali di Riace per
Mediterraneo Antirazzista.

May-Day. Roy Paci, Picciotto e Stefano Piazza

Uno degli ultimi artisti scelti da Roy Paci e Christian Picciotto e presentati da Stefano Piazza ad
esibirsi sul palco è stato Daniele Silvestri, il cantautore romano che ha cantato il brano ‘La mia
casa’ lanciando dal palco un messaggio forte e chiaro. “Il sentimento che abbiamo dentro, quello
vero, quello che ci appartiene è quello di essere un po’ cittadini di questo mondo, ovunque sia.
Riusciamo a sentirci a casa nostra ovunque in realtà.

May-Day

Ogni volta che visitiamo un posto ci rimane dentro qualcosa di quel posto. Quando ne sentiamo parlare continuiamo a sentirlo un poco come casa nostra, come qualcosa che ci appartiene. In realtà ci viene facile farlo. Perché combattere quel sentimento? Io non lo faccio”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.