CronacaPrimo Piano

Maddalena investita e soccorsa dai volontari ma il comune non ha fondi per coprire le spese veterinarie

Una storia vigliacca dove la quotidiana crudeltà verso una piccola cagnolina di quartiere investita e lasciata agonizzante a Largo Garufi nella zona di corso Calatafimi è l’ennesima conferma di quanto poco considerato sia il destino degli animali in città.

Maddalena cagnolina di quartiere chippata e sterilizzata dal comune di Palermo, soccorsa venerdì pomeriggio dopo essere stata investita e oggi in clinica con una frattura al bacino in attesa di essere operata d’urgenza ma il comune non ha i fondi per coprire le spese veterinarie.

Un episodio che si ripete con puntuale frequenza dove tra burocrazia e crisi, gli animali in città continuano a essere l’ultimo dei problemi di un’amministrazione disattenta.

“ Tre ore prima di ottenere il via libera per ricoverare la cagnetta- esordisce Paride Martorana , volontario Ente Protezioni Animali- finalmente la polizia municipale ci indica una clinica convenzionata con il comune dove poter trasportare  l’animale ferito”.

“ Ma l’amara sorpresa era dietro l’angolo- continua Paride Martorana- infatti dal canile arriva la notizia che il comune non ha la disponibilità economica per intervenire nelle cure dell’animale ferito”.

“Nessun contatto è stato possibile con il direttore amministrativo di via del Tiro a Segno per spiegare la gravità della situazione, né noi né la polizia municipale che nel frattempo ci ha raggiunto in clinica siamo riusciti a contattarlo, il telefono di servizio risultava essere spento. Così la cagnetta è rimasta in clinica per la sensibilità del dott. Cannizzaro, direttore della clinica privata ma l’Ente Protezione Animali insieme ad alcuni cittadini si riserva di presentare un esposto per denunciare i fatti accaduti, conclude il volontario animalista.”

Massimo Brizzi

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.