PoliticaPrimo Piano

M5S rottura con Crocetta. Addio ‘Modello Sicilia’

Cancelleri e Crocetta

Palermo. Maretta in vista per i rapporti tra il governatore della Regione siciliana Rosario Crocetta e il Movimento Cinque Stelle. Infatti a quanto pare il “Modello Sicilia” di cui tanto parlava Grillo si sta allontanando sempre di più. Ad annunciare la rottura tra i quindici grillini presenti all’Ars e il Presidente della Regione è uno dei “cittadini deputati” Salvatore Siragusa spiegando «Non parliamo di rottura perché in realtà non siamo mai stati legati a Crocetta, ma certamente abbiamo constatato che più che il ‘modello Sicilia’ a Crocetta piace il ‘modello Pd-Pdl’, insomma il modello dell’inciucio».

Ciò che i grillini non hanno proprio digerito è una fotografia scattata a Montecitorio tra il Presidente Rosario Crocetta e  Silvio Berlusconi, leader del Pdl. Siragusa spiega «effettivamente quella foto ci ha colpiti. È solo la conferma di ciò che pensavamo. Noi, comunque, continueremo a fare quello che facevamo prima, cioè approviamo solo quei provvedimenti che ci convincono. E basta». Tutto ciò è stato aggravato dall’approvazione della legge per la doppia preferenza di genere, votata si da Pd e Pdl, votata no dal M5S. Inoltre Crocetta dichiara di provare “disprezzo” quando sente parlare “di golpe da Grillo”.

Il capogruppo del M5S Cancelleri  ha dichiarato «noi non cambieremo il nostro atteggiamento nei confronti del Governo Crocetta ma certamente non abbiamo accolto bene la bocciatura totale dei nostri emendamenti al bilancio da parte dell’assessore Bianchi. Noi non siamo in Parlamento per passare il tempo a giocare, ma siamo qui per lavorare per il bene della Sicilia». «Noi partecipiamo alle commissioni con spirito critico. Abbiamo chiesto con gli emendamenti anche delle cose importanti. Il Governo – continua Cancelleri – ci avrebbe dovuto spiegare perché ha bocciato in blocco tutti i nostri emendamenti. Me lo devono dimostrare. Spero che in commissione domani si possa trovare un momento di condivisione. Non faremo ostruzionismo a prescindere  ma daremo il nostro assenso solo alle cose che condividiamo. Ci saranno momenti di acredine tra noi e Crocetta, ma noi non cambieremo il nostro modo di agire. Perché noi chiediamo solo il bene della Sicilia».

Il governatore Crocetta risponde ai grillini «sono veramente dispiaciuto per le affermazioni del Movimento 5 stelle rispetto a presunte rotture con loro. Il dialogo per me è sempre aperto, con loro e con tutti i gruppi parlamentari, un dialogo sui fatti, sui contenuti, sui valori e sull’obiettivo comune di fare rinascere la Sicilia e farla uscire dalla situazione drammatica che vive. Bisogna dare risposte ai giovani, ai poveri, ai disoccupati. Su questo il confronto rimane aperto e spero in questi giorni di incontrare loro così come gli altri gruppi parlamentari, affinchè il rapporto con il Parlamento tutto si impronti all’insegna della Sicilia e del popolo siciliano».

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.