Primo PianoSpazio Libero

Lu sicilianu “civili”: ah! si fùssimu tutti comu a iddu!

Il 17 gennaio è la Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali. Noi de IlModeratore la celebriamo pubblicando un articolo di Fonso Genchi in lingua siciliana. Buona lettura

Esisti un profilu psicològicu di sicilianu assai speciali; speciali non pirchì è particularmenti raru ma pirchì non è facili truvallu in àutri popolazioni, eccettu in chiddi “colonizzati”, economicamenti e, supratuttu, culturalmenti.

Ma di quali profilu stamu parrannu? Ni riferemu a ddu sicilianu chi si lamenta sempri di la Sicilia e di li so’ abbitanti pirchì “siamo un popolo di incivili”, pirchì “abbiamo una mentalità mafiosa”, pirchì “certe cose accadono solo qui”, pirchì “da noi non cambierà mai niente” e “noi non cambieremo mai!”. S’esprimi propiu accussì, senza menzi tèrmini, senza possibilità di spiranza e senza possibilità di putiri sarvari a qualcunu o qualchi cosa chi sianu siciliani (si ti stai addumannannu, effettivamenti, a cu’ e zoccu di sta terra fussi dignu di èssiri sarvatu e hai difficultà a dàriti na risposta, probabilmenti nni st’artìculu si sta parrannu puru di tìa…).

Ovviu, si puru nun ci spercia dillu, si deduci ca “iddu”, inveci, è tutta n’àutra cosa. Ah! Si fùssimu tutti civili e curretti comu a iddu! Comu jìssiru megghiu li cosi cca in Sicilia! Eppuru stu profilu psicològicu è assai diffusu nni nuàutri; nn’avemu assai di siciliani accussì ma li cosi non vannu tantu bonu in Sicilia… Com’è stu fattu?!?

Accussì comu disprezza praticamenti tuttu di li so’ (pocu) sìmili conterranei, apprezza quasi tuttu di li pòpuli chi iddu chiama “civili”, notannu sulu li qualità e non addunànnusi, annurvatu di lu statu di prostrata ammirazioni, di li difetti; insumma, puru cca senza menzi tèrmini, tuttu è positivu nni l’ “àutri”, a cuminciari – senza jiri troppu luntanu – di l’italiani centru-settentriunali (in casi particularmenti gravi, di li sardi o macari di li calavrisi…) pi terminari cu lu non plus ultra di li “civilìssimi” pòpuli scandinavi.

Stu statu psicològicu si rifletti quasi sempri puru nta la so manera di parrari: rifuta qualisisia tipu di cadenza “sìcula” (probabilmenti ci rigorda sulu e tuttu lu “mali” di la Sicilia e di li so’ abbitanti) e cerca d’aviri ‘n accentu e na dizioni – nni li casi chiù estremi, macari na morfusintassi – chi iddu cridi èssiri chiddi “curretti” d’un italianu “normali” (eh, sì! Iddu vulissi èssiri “italianu normali”, ma senti tuttu lu pisu di na sicilianità – pi carità! esterna a la so vera essenza – chi l’opprimi e chi non lu lassa addivintari “italianu normali”). In situazioni particulari, comu quannu si trova a parrari cu persuni chiù civili, ovviu “almenu” di lu Centru-Nord Italia, è capaci di diri “Come stai te?” e “Noi domani si va al mare” (e cu’ sapi s’iddu è consapèvuli di non stari parrannu pi nenti un Italianu “normali”!)

Semu sinceri: cu’ non havi almenu un amicu o un canuscenti chi s’assimigghia a stu profilu? Tutti canuscemu almenu qualcunu chi rispunni a sti caratterìstichi, si puru cu sfumaturi diversi, duvuti a la classi sociali, a lu liveddu di cultura eccetra. Però, accura: non è improbàbili chi propiu lu to amicu, chiddu chi tu, quannu liggevi li righi di cca ncapu, pinsavi assimigghiàrisi a stu profilu, propiu iddu qualchi vota o giustu giustu ora (si puru iddu sta liggennu st’artìculu…) pensa lu stissu di… tìa!

Infatti, cu’ chiossai cu’ chiù picca, tutti âmu statu qualchi vota stu profilu di sicilianu. Senza addunàrinni, comu ammuttati di na forza invisìbili (n’avìssimu addumannari di unni veni…), ci cascammu tutti; c’è cu’ lu capìu sùbitu unni si stava jennu a mèttiri e nni niscìu fora prestu; cu’ ci pruvò gustu e, accumpagnatu di na bona dosi di teatralità, decidìu di interpretari stu tipu di personaggiu; li menu furtunati – o chiù predisposti – ci crideru veramenti (cioè non “ci fannu” ma “ci sunnu”), n’arristaru nviscati e sunnu priggiuneri di sta predisposizioni mentali ca è puru un malipatimentu psicològicu “veru” pirchì, accussì comu succedi cu li propi genituri, si nun hai na bona relazioni cu la to Terra, nun poi mai èssiri na persuna interamenti filìci.

Avemu la sensazioni chi sulu nni ddu jornu quannu arriniscìssimu a completari un veru e propiu caminu “spirituali”, di riconciliazioni completa cu la nostra terra, affrancànnuni di ddi riddìculi complessi di natura geo-psicològica, sulu allura, oltricchì chiù sereni e filìci, putìssimu èssiri macari chiù ùtili a la nostra Isula. Si poi arriniscìssimu a fallu non sulu individualmenti ma puru comu Pòpulu, allura accuminciassi lu veru riscàttitu di la Sicilia!

L’articolo è stato scritto seguendo l’ortografia e utilizzando il lessico dei dizionari Mortillaro e Pasqualino.

 Fonso Genchi

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.