Cronaca

L’ex compagna della madre biologica può vedere i figli

Il Tribunale di Palermo ha riconosciuto alla ex compagna della madre biologica la facoltà di incontrare e tenere con sé i figli, secondo un calendario di incontri stabilito. Il diritto dei minori di mantenere con lei un rapporto stabile e significativo è stato riconosciuto e garantito con un decreto del 13 aprile. Lo rende noto l’associazione Famiglie Arcobaleno.

“Questa decisione è molto importante per tutte le famiglie arcobaleno – afferma Giuseppina La Delfa, presidente dell’associazione nazionale dei genitori omosessuali e transessuali – Indica in modo chiaro che la separazione di una coppia omosessuale che insieme ha deciso di avere dei figli e che insieme li ha cresciuti, non può determinare la fine dei rapporti, di fatto ancora senza tutele nel nostro Paese, fra il genitore ancora senza diritti ed i suoi figli”.

“La separazione di una coppia di fatto – conclude – non può insomma comportare la distruzione dei rapporti affettivi maturati e cresciuti in quel contesto”. La sentenza è stata emessa dalla prima sezione civile del Tribunale di Palermo.

Il collegio ha accolto la richiesta del difensore, l’avvocato Arianna Ferrito dello studio Galasso di Palermo, fatta propria dal pm nell’interesse dei minori. I giudici hanno tenuto conto anche di una consulenza psicologica che ha accertato la sussistenza di un legame familiare anche con l’ex convivente.

Cristina Monti

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.