Economia & Lavoro

LegaCoop Agroalimentare Sicilia, cambia il responsabile

Pino Occhipinti (foto internet)

Pino Gullo, 57 anni, da 22 Presidente Regionale del Settore, lascia il testimone a Pino Occhipinti, 53 anni, fino a qualche mese fa Presidente di
Legacoop Ragusa.
Lo ha deciso la Direzione Regionale di Legacoop Agroalimentare Sicilia, nel corso della quale, oltre a numerosi presidenti ed esponenti della cooperazione agroalimentare siciliana appartenenti ai diversi comparti produttivi, erano presenti i Presidenti provinciali di Legacoop ed il Presidente Regionale di Legacoop  Sicilia, Emanuele Sanfilippo – quest’ultimo ha svolto l’intervento conclusivo dei lavori dell’assise.

Nella sua relazione introduttiva, incentrata sullo scenario  competitivo, le criticità, le chance e le potenzialità di sviluppo dell’agroalimentare siciliano, Pino Gullo , proprio per superare alcune delle molteplici criticità del  settore, fra le altre, ha avanzato proposte operative in particolare in merito alla nuova programmazione dei fondi comunitari 2014/2020 , e formulato alcune ipotesi di lavoro in materia di energia rinnovabile da biomasse, riorganizzazione dei lavoratori forestali regionali, e in tema di riforma fondiaria lanciando la proposta di istituire anche in Sicilia la “BANCA DELLA TERRA”. Pino Occhipinti  nel suo intervento ha invece focalizzato l’attenzione sulla necessità di riorganizzazione delle filiere agricole per riconquistare competitività e mercati, specialmente nel comparto dell’ortofrutta e della serricoltura.

Su queste proposte, nel corso dei lavori della Direzione agroalimentare siciliana targata Legacoop, attraverso gli interventi dei cooperatori presenti , si è sviluppato un vivace dibattito anche in merito al processo di costituzione di ACI Agroalimentare Sicilia, la federazione unitaria che vede protagoniste del progetto oltre a Legacoop, le altre due centrali cooperative, Agci/Agrital e Fedagri/Confcooperative . La Direzione di Legacoop Agroalimentare Sicilia, inoltre ha anche esaminato
favorevolmente la costituzione di “AGRINSIEME”, il nuovo coordinamento sindacale del mondo agricolo che oltre alle sigle della citata ACI Agroalimentare, vede protagoniste e partner anche la CIA e la Confagricoltura.

 

Comunicato stampa

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.