Sport

Lega Pro. Il Trapani non si ferma più, Milazzo altro k.o.

Pallone della Lega Pro. Foto Archivio

CARPI – TRAPANI 1-3

Inizia nel migliore dei modi il 2013 del Trapani di Roberto Boscaglia che sconfigge fuori casa il Carpi, una diretta concorrente per la promozione, al termine di una prestazione perfetta che fa entrare di diritto la compagine siciliana come una tra le protagoniste del torneo.

Il Carpi comincia all’attacco, ma le sortite offensive sono fermate dalla retroguardia siciliana e dal portiere Nordi, abile a farsi trovare pronto su una conclusione di Arma. Al 26′ però passa il Trapani che beneficia di un calcio di rigore che Madonia trasforma. Il Carpi, ferito nell’orgoglio, reagisce e prova a fare la partita con il Trapani sempre pronto ad agire di rimessa. Brivido per gli ospiti al 37′ quando Kabine prende in pieno la traversa e per poco non trova il pareggio.
Nella ripresa l’assidua pressione del Carpi viene premiata al quindicesimo con il meritato pareggio: cross di Cortesi e Arma batte Nordi. Proprio il gol subito dà la carica al Trapani che si butta in avanti e in cinque minuti si riporta in vantaggio, in contropiede, con Mancosu. Una volta in vantaggio il Trapani si mostra molto abile a gestire la partita con un Caccetta in giornata di grazia. A due minuti dal novantesimo Basso firma il 3-1 approfittando di un altro rigore concesso dall’arbitro Minelli.
Il tabellino
Carpi : Sportiello, Letizia, Sperotto, Perini, Poli, Terigi, Pasciutti, Cortesi(Potenza al 25’st), Arma, Kabine, Di Gaudio. All. Tacchini
Trapani : Nordi, Lo Bue, Rizzi, Pagliarulo, D’Aiello, Pirrone, Basso, Caccetta, Abate(Filippi al 38’st), Gambino(Mancosu al 16’st), Madonia(Tedesco al 25’st). All. Boscaglia.
Arbitro: Minelli di Varese
Marcatori: 26’ rig. Madonia (T), 60’ Arma (C), 66’ Mancosu (T), 88’ rig. Basso (T)
MILAZZO – CASALE 0-1
Grazie a una rete di Grieco nel primo tempo il Casale riesce, per la prima volta nella sua storia, a vincere in Sicilia. Milazzo sempre più sull’orlo del baratro, rimane ultimo a 8 punti, tre in meno del Fano sconfitto ad Alessandria.
Parte forte il Casale che si rende pericoloso con Grieco e Siega, ma il rientrante Previti – Tesoniero squalificato – si fa trovare pronto.
Il Milazzo è tutto in tentativi dell’attaccante D’Amico, unico a rendersi pericoloso tra i mamertini. Il Casale attacca e al 38′ passa: Taraschi si destreggia nella trequarti avversaria, Urso calcola male il tempo dell’intervento, la palla giunge a Grieco che, nei pressi del dischetto del rigore, trafigge l’incolpevole Previti con un tiro potente sotto la traversa. Il Milazzo non riesce a reagire e si va al riposo con gli ospiti in vantaggio.
Nella ripresa i cambi di Tudisco – entrano Suriano e Maisano – producono poco o per lo meno non quanto sperato. I mamertini attaccano, ma in modo parecchio confuso: al 77′ il Casale rimane in dieci uomini per l’espulsione di Silvestri – che in verità poteva arrivare una decina di minuti prima – e si arrocca in difesa. A dieci minuti dal termine il Milazzo protesta per un fallo in area su Guerriero, ma l’arbitro non giudica ci siano gli estremi per un calcio di rigore: il Casale si difende e a due minuti dal novantesimo viene espulso D’Amico – doppia simulazione – e ritorna così la parità numerica. Il Milazzo ha tentato con tutte le energie di pareggiare, va detto, e questa volta non è stato fortunato. Non succede più nulla nemmeno nei quattro minuti di recupero.
Il tabellino
Milazzo (4-4-2): Previti; Urso, Buzzanca, Cuomo, Salustri; Morina, Chiappone (78′ Maisano), Simonetti, G.D’Amico (46′ Suriano); A.D’Amico, Guerriero. All. Tudisco
Casale (4-2-3-1): Ruzittu; Capelli (50′ Cristiano), Silvestri, Monaco, Steri; El Kamch, Giunta; Siega, Grieco, Taraschi (54′ Corsino); Curcio (78′ Russo). All. Perra.
Marcatore: 38′ Grieco
Arbitro: Cangiano (NA) 

Simone Giuffrida

 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.