CronacaPrimo Piano

Le notti di Arcore. I pm: “Sistema prostitutivo”

 

(foto AGI)

 

Nel processo Ruby che vede imputato l’ex Premier Silvio Berlusconi, la testimone Annamaria Fiorillo – magistrato del tribunale di Milano – ricostruisce quanto successo la sera del 27 maggio 2010 quando la giovane marocchina fu fermata in Corso Buenos Aires e accusata di furto: “Nessun magistrato degno di questo nome avrebbe affidato la minorenne Ruby alla consigliera Minetti e non a una comunità”, ha riferito Fiorillo. Dopo le telefonate giunte alla questura di Milano per dire che la marocchina era la nipote del presidente egiziano Mubarak, il giudice Fiorillo non ha mai cambiato la sua posizione, ovvero quella dell’affidamento ad una comunità, come lei stessa ha tenuto a precisare.

Con la testimonianza del giudice, si è chiusa quindi la fase dibattimentale del processo, con il rigetto delle nuove prove chieste dai legali dell’ex premier, ed è iniziata la requisitoria del processo, con la parola al pm Antonio Sangermano: l’accusa è certa di poter dimostrare “il nesso tra ciò che avveniva ad Arcore e ciò che avvenne in Questura la sera del 27 maggio 2010”, situazione che ha portato poi all’imputazione di Berlusconi per concussione e prostituzione minorile.

La prossima udienza dell’8 Marzo – caso vuole che sia la festa della donna –  chiuderà questa fase e il procuratore aggiunto Ilda Boccassini chiederà la pena per l’ex premier.
Secondo la deposizione del pm Sangermano le serate nella villa di Berlusconi prevedevano tre fasi: “La cena, che talora vedeva già contatti di natura sessuale tra Berlusconi ed alcune ragazze con la “supervisione” di Emilio Fede. Poi si passava al celebre bunga bunga, dove i movimenti di natura sessuale diventavano più espliciti con spogliarelli e atti di natura erotica, mentre durante la terza ed ultima fase alcune ospiti si intrattenevano nella villa di Berlusconi, ottenendo un quid pluris economico, che scatenava una competizione tra loro.” Questa competizione – come l’ha definita il pm – scaturisce dalle intercettazioni delle ragazze, che facevano a gara per restare a dormire nella villa di Arcore. L’allora minorenne Karima El Marough, detta Ruby, era “parte integrante di questo sistema e come tale veniva retribuita in modo sproporzionato rispetto alle fedelissime che per questo si lamentavano”; il riferimento è ad una intercettazione in cui Nicole Minetti e Marystell Polanco commentavano i compensi ricevuti e si lamentavano del fatto che la giovane marocchina avesse preso più denaro di loro.
Il ruolo di Nicole Minetti, secondo quanto riferito dal pm, è quello di una “protagonista attiva delle serate di Arcore, ella stessa compiva atti prostitutori prendendo denaro da Berlusconi e svolgendo il ruolo di intermediatrice e agevolatrice dell’altrui prostituzione.” Il pm ha aggiunto che “la signora Minetti era consapevole della natura illecita delle azioni che compiva nell’interesse dell’imputato.”
La tesi sostenuta dal pm Sangermano è quella di “sistema più sofisticato di prostituzione ma non meno lesivo della dignità della donna, attraverso la mercificazione del corpo.” Due “protagonisti” di quelle serate erano Lele Mora, ex agente di spettacolo, ed Emilio Fede, i quali “facevano da intermediari per immettervi nuove ragazze e partecipavano anche loro a queste serate.”
Immediata la replica di Silvio Berlusconi alle parole dell’accusa: “Ho letto un po’ stupito e un po’ divertito tali resoconti. Il pm ha ricostruito le serate a casa mia con molta fantasia. Non ho mai dovuto pagare una signorina o una signora per rapporti intimi e sono sempre stato in grado di dare una risposta positiva a chi mi si rivolgesse chiedendomi un aiuto. Il Pubblico Ministero, probabilmente, non ha avuto nessuna di queste due ‘fortune’ e si regola come se io fossi lui. Evviva!”
L’ex premier avrebbe dato la propria disponibilità a farsi interrogare dai pm di Napoli che indagano sulla presunta “compravendita” di senatori, a partire dal prossimo 15 marzo;  i pm della procura di Napoli avevano indicato tre date antecedenti 5,7 o 9 marzo.

 

Francesco Agliata

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.