Cinema-Teatro-Musica

Le emozioni di Nina Zilli al ‘Castello a Mare’

Nina Zilli in concerto a Palermo (foto di Giada Mercadante)

La luna piena (o quasi), una leggera brezza, i ruderi del Castello a Mare ad accogliere un pubblico non proprio caldo. Con puntualità svizzera Nina Zilli sale sul palco alle 21,30, sfidando le superstizioni che vietano a coloro che calcano i palcoscenici di vestire di viola.

Una figura elegante e sinuosa ed una voce potente a metà tra Nina Simone (dalla quale prende il nome) e Aretha Franklin, dipinge con la sua musica una caleidoscopica rappresentazione dell’amore. Un amore che è femmina come nel suo ultimo successo che dà il titolo anche al tour e al concerto palermitano.

La maggior parte dei testi delle canzoni della Zilli hanno infatti come tema l’amore, spesso quello infelice, e la capacità di amare, quella capacità che solo le donne hanno, anche se tradite, abbandonate o maltrattate.

Per sempre, Per le strade, La felicità, Non qui, Piangono le viole, Penelope, L’inferno, Un bacio d’a(d)dio , L’amore Verrà, 50 mila, L’uomo che amava le donne, sono solo alcuni dei titoli che Nina Zilli ha cantato in questa notte di fine agosto regalando al pubblico palermitano le emozioni di una musica retrò, fatta di soul, jazz, blues e reggie, che entra nel sangue e costringe ad alzarsi dai posti assegnati per lasciarsi andare.

[nggallery id=8]

Giada Mercadante

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.