Download http://bigtheme.net/joomla Free Templates Joomla! 3
Home / Cultura / L’Avvocato del Martedì_ STORIE E TECNICHE NASCOSTE DEL TESSUTO IMPRENDITORIALE PALERMITANO.

L’Avvocato del Martedì_ STORIE E TECNICHE NASCOSTE DEL TESSUTO IMPRENDITORIALE PALERMITANO.

20170208_101959

(di F. P. QUARTARARO) Eccoci, con un appuntamento “straordinario” con l’Avvocato del Martedì.

Continua il racconto verso il tessuto imprenditoriale palermitano:

Oggi vi racconterò

La storia della Società F.lli Tutone Anice Unico S.p.a. nasce nel lontano 1813, periodo in cui la nobiltà palermitana passava le giornata innanzi al Teatro “Santa Cecilia” e piazza Rivoluzione, luogo in cui la famiglia Tutone svolgeva l’attività di produzione della storica bevanda. La storica bottega era divenuta ormai crocevia dei passanti, luogo in cui i viaggiatori trovavano ristoro, rigenerandosi con un bicchiere di acqua e qualche goccia di Anice Unico; da lì passò la nobiltà siciliana, i mille di Garibaldi e l’esercito della grande guerra. Al termine della seconda guerra mondiale, nel pieno della rinascita e nel periodo della ricostruzione, la quarta generazione della Famiglia Tutone decise di trasformare la realizzazione della storico bevanda in una vera e propria azienda.Da lì in avanti fu un continuo crescere, alternandosi diverse generazioni sino alla settima che si accinge ala gestione della storica azienda di famiglia.

FB_IMG_1487165714021

Acqua e Zammu’ per le strade della Palermo di un Tempo

Qualè il prodotto di punta della Società?

Da mono referenza, ovvero dalla sola produzione dell’ Anice Unico che comunque rimane il prodotto di punta, le esigenze di mercato hanno portato la famiglia a specializzarsi nella realizzazione di distillati tra prodotti tipici e prodotti che abbracciano una clientela più giovanile. Il mercato in cui si inseriscono i prodotti della storica azienda è da qualificarsi di nicchia e di alta gamma sia per la loro particolarità ed unicità sia per i metodi di produzione utilizzati che sono rimasti immutati nel tempo. Non si rilevano particolari aziende, nel mercato di riferimento, che possano essere considerate concorrenti con la F.lli Tutone in quanto la referenza di punta ovvero l’Anice Unico, storica bevanda che aromatizza l’acqua, non individua né nel mercato nazionale né internazionale competitor rilevanti.

 E’ possibile sapere la ricetta dell’Anice?

Assolutamente No, poiché la ricetta dell’Anice è custodita gelosamente e trascritta nell’antico “almanacco” che la famiglia si trasmetta da generazioni.

Quali sono i nuovi propositi per l’anno 2017?

Ci spiega il Dott. Ugo Riccardo Tutone, ideatore del progetto “Museo”, che essa rappresenta un idea progettuale che mira alla realizzazione di una struttura museale nei locali che la società destina alla produzione. L’intento è quello di far rivivere al visitatore le sensazioni di un tempo, quelle che hanno caratterizzato la nascita della F.lli Tutone nel 1813. La struttura si inserisce nel contesto storico del Palazzo del Conte Ajutamicristo che vede le sue origini nel lontano 1600; il visitatore entrerà in stretto contatto con la struttura museale dunque in un contesto unico nel suo genere. Sarà composto da una percorso immaginifico all’interno della produzione che si interseca tra macchinari moderni ed antichi, immagini d’epoca e percorsi multimediali, così da creare un mix tra ciò che fu e ciò che sarà, in una commistione di odori, sapori e colori che renderanno il tragitto unico nel suo genere e dalla mille risultanze. Al termine del percorso ricavato nella produzione, sarà realizzato un piccolo angolo in cui il visitatore potrà interagire con alcune fasi della produzione mediante l’utilizzo della strumentazione d’epoca, cosi da mettere in risalto l’evoluzione che ha caratterizzato le diverse fasi della produzione esaltando al tempo stesso i metodi di produzioni utilizzati dalla F.lli Tutone, che risultano come immutati nel tempo. 

Dunque non sarà il solito “statico museo” ?

Assolutamente no! Da quanto descritto si evince dunque che la struttura che si vuole realizzare non è una mero museo ma si pone quale obiettivo quello della interazione del visitatore con le fasi della produzione, con un percorso unico nel suo genere; esaltare la storia della società che ormai ha raggiunto i “200 anni di storia” e che ha caratterizzato anche quella dei palermitani; esaltare anche il patrimonio culturale che circonda lo storico stabilimento che si incardina in un contesto intriso di storia e tradizione nel pieno centro storico di Palermo nel triangolo compreso tra piazza Rivoluzione, la Chiesa della Magione e il sopra citato palazzo Ajutamicristo.

Quale sarà il nome del museo?

E’ un segreto che scoprirete il giorno dell’inaugurazione, sarà previsto per metà giugno dell’anno 2017.

Se anche tu vuoi, raccontare la tua esperienza scrivici nella sezione contatti del sito web: www.avvocatoquartararo.eu  l’Avvocato Francesca Paola Quartararo.

 

 

About Francesca Paola Quartararo

Avvocato Francesca Paola Quartararo

Check Also

Palermo "con l'azzardo non si gioca"

Palermo “con l’azzardo non si gioca” galleria foto 2

Correlati

Rispondi