Download http://bigtheme.net/joomla Free Templates Joomla! 3
Home / Cultura / L’Avvocato del Martedì_ RACCONTANDO LA CITTA’ DI PALERMO: TRA PASSATO E FUTURO UN PONTE SENZA TEMPO.

L’Avvocato del Martedì_ RACCONTANDO LA CITTA’ DI PALERMO: TRA PASSATO E FUTURO UN PONTE SENZA TEMPO.

Avv. Francesca Paola Quartararo
        Avv. Francesca Paola Quartararo

(di F. P. QUARTARARO) Eccoci, con un appuntamento “straordinario” con l’Avvocato del Martedì.

Oggi la città viene raccontata dalla nostra amica palermitana, Ornella Milici, lavoratrice e madre. Ornella è madre di due bambini e per questo guarda da vicino le problematiche che si affrontano quotidianamente alla scuole dell’infanzia.

ornella milici

LA NOSTRA MAMMA: ORNELLA MILICI

Ornella, tu da madre quale sei, qual è il maggior problema che emerge all’interno di un istituto infantile?

Sfortunatamente i problemi sono davvero tanti, ma quello che maggiormente si discute oggi e, che lamentano spesso le insegnati è la tematica attinente al congedo, nella specie dopo il terzo giorno, l’amministrazione Comunale dovrebbe garantire un insegnante “supplente” ma puntualmente non arriva mai nessuno. L’assenza dell’insegnante supplente comporta come conseguenza negativa che la classe rimane scoperta senza nessun maestro che impartisca la lezione agli alunni e, senza nessuno che dia un preavviso ai genitori che la normale attività scolastica non verrà svolta.

Ornella afferma che un’altra nota dolente da non dover sottovalutare sono le forniture igienico/sanitarie. I bambini hanno necessità dei bisogni elementari (sapone per le mani, carta igienica, fazzolettini per il naso ecc…) sono a carico dei genitori, poiché l’Amministrazione Comunale non prevede forniture agli istituti infantili. Noi mamme siamo costrette a far portare ai nostri figli oltre il panierino con la merende, la carta igienica e il sapone per le mani.

Ornella afferma: “allora io da mamma cosa devo pensare, che mio figlio/a che dovesse scordare la carta igienica o il sapone dovrebbe trascorrere n. 6 ore all’interno della struttura senza poter andare in bagno perché non ha con sé tutto l’occorrente?”

Un’altra questione che emerge che i bambino sono costretti a stare in aule senza riscaldamenti, avvolti nelle coperte, con i giubbotti, cappelli e sciarpe. Le pompe di calore sono davvero “un utopia”, i bambini sono costretti a stare con stufe elettriche privi di pompe di calore, che non riescono a scaldare gli ambienti dal gelido inverno.

Infine, ebbene, evidenziare le criticità del lavoro d’inclusione degli alunni in situazioni problematiche all’interno delle classi. Più delle volte in una classe con n. 25 alunni generalmente i bambini diversamente abili sono uno o più di uno con un solo maestro di sostegno o a volte neanche la presenza di quest’ultimo, responsabilizzando maggiormente l’insegnante della classe che debba garantire non solo il programma educativo ai bambini ma anche l’assistenza al bambino diversamente abile. In questo modo come può un insegnante garantire la lezione regolare ad entrambi? Come può basare contemporaneamente ad una classe di n. 25 alunni più l’alunno diversamente abile?… Secondo me è solamente pura pazzia necessità davvero un intervento possa garantire i nostri piccoli.

Ornella tu hai delle soluzioni da proporre per colmare queste lacune?

Io quale madre, chiedo solamente che le scuole possano offrire più servizi che possano agevolare i nostri figli cominciando a garantire i beni di prima necessità ed elementari, che stiano in ambienti confortevoli e caldi, ma soprattutto che i maestri siano presenti che possano accompagnarli durante il periodo della loro crescita formativa. Perché i bambini sono il futuro del domani, i nostri bambini saranno gli uomini del futuro e l’amministrazione Comunale dovrebbe dare maggior rilievo alle tematiche scolastiche ed ai bisogni e le necessità delle periferie.

Raccontando la città di Palermo, Se anche tu vuoi, raccontare la tua esperienza alla “Palermitana” scrivici nella sezione contatti del sito web: www.avvocatoquartararo.eu  l’Avvocato Francesca Paola Quartararo.

About Francesca Paola Quartararo

Avvocato Francesca Paola Quartararo

Check Also

Arriva la “punturina” che combatte il doppio mento. Ridisegnare il profilo del volto in due sedute

Arriva la “punturina” che combatte il doppio mento. Ridisegnare il profilo del volto in due sedute …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: