PoliticaPrimo Piano

Lavoro: Ferrandelli (Pd) presenta ddl regionale anti-delocalizzazione

“Per le aziende dovrà essere sempre di più conveniente investire in Sicilia attraverso strumenti quali il fisco agevolato e i contributi pubblici, ma non può più funzionare la storiella di questi anni, quella cioè del prendi e scappa, di imprese che beneficiano di finanziamenti regionali, si insediano, assumono lavoratori siciliani e poi, nel giro di qualche anno, smontano le tende e delocalizzano la produzione lasciando in mezzo alla strada i lavoratori. Per questo penso che la Regione debba dotarsi di una legge chiara e netta per rendere, soprattutto in un tempo di crisi economica e sociale, più difficile delocalizzare e tutelare così tanti lavoratori siciliani il cui futuro è incerto. Penso soprattutto alle ragazze e ai ragazzi dei call-center, circa 20 mila in Sicilia, ma in generale a tutti i dipendenti delle grandi aziende che hanno ricevuto nel corso di questi anni benefici e vantaggi economici dalle istituzioni e sono lì per lì per andar via”.

Lo afferma il deputato regionale del Pd, Fabrizio Ferrandelli che ha depositato un ddl anti-delocalizzazioni che prevede la decadenza dei benefici e la restituzione dei contributi ricevuti dalla Regione siciliana in caso di delocalizzazione.

Nello specifico l’art. 1 del ddl Ferrandelli prevede che “Per i contributi erogati a decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge, le imprese operanti nel territorio regionale che abbiano beneficiato di contributi pubblici regionali in conto capitale, qualora, entro tre anni dalla concessione degli stessi, delocalizzino la propria produzione dal sito incentivato ad un paese non appartenente all’Unione Europea, con conseguente riduzione del personale di almeno il 50 per cento, decadono dal beneficio stesso e hanno l’obbligo di restituire i contributi in conto capitale ricevuti”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.