Economia & LavoroPrimo Piano

LAVORATORI STAGIONALI, ALLARME FISASCAT CISL PER LA PROVINCIA DI MESSINA

da sx: Pancrazio Di Leo, Tommaso Giuffrida e Salvatore D’Agostino

LA FISASCAT CISL: “IN PROVINCIA DI MESSINA INTERESSATI 16MILA LAVORATORI. SERVE UN INTERVENTO STRUTTURALE PER AUMENTARE LA STAGIONE E DARE CONTINUITÀ AL LAVORO»

(di redazione) Interventi strutturali per i lavoratori stagionali del turismo. A chiederli è la Fisascat Cisl che, da Messina, lancia l’allarme legato alle modifiche previste nel Decreto Dignità.

«Provvedimenti che penalizzano gli stagionali e che rischiano di creare un serio problema occupazionale e sociale soprattutto nella provincia di Messina dove, tra comprensorio di Taormina, Isole Eolie e zona tirrenica, si registrano quasi 16mila lavoratori precari» affermano il segretario generale aggiunto della Fisascat Cisl Sicilia, Pancrazio Di Leo, e il segretario provinciale Salvatore D’Agostino, impegnati in una serie di incontri in piazza con i lavoratori della provincia e con banchetti informativi sulle nuove normative.

Escludendo all’improvviso gli stagionali dal Decreto Dignità non è più previsto il reinserimento del contributo dell’aliquota aggiuntiva Naspi dell’1,40% che il datore di lavoro avrebbe versato per finanziare la disoccupazione.

«Se così fosse, cioè senza copertura finanziaria – sottolineano Di Leo e D’Agostino – i lavoratori stagionali, anziché sei mesi di sussidio, continuerebbero a percepire il 50% dei mesi lavorati e, in mancanza di una stagione turistica lunga, non riuscirebbero ad avere una copertura economica e contributiva dell’intero anno solare».

La Fisascat Cisl evidenzia come la stagionalità nel settore del turismo e dell’indotto commerciale generato è un fenomeno strutturale del comparto e pertanto necessita di politiche strutturali di sostegno anche considerato l’importante apporto al Pil del nostro Paese.

«La stagionalità nel turismo – evidenziano ancora i rappresentanti della Fisascat – non può essere gestita con i voucher ma deve fare riferimento agli istituti dedicati già presenti nella contrattazione nazionale del settore che disciplina, tra gli altri, anche il trattamento economico del lavoro extra e di surroga.

Si ragioni, piuttosto, su come favorire l’allungamento dei rapporti di lavoro nel settore del turismo, tra quelli esclusi dai trattamenti ordinari di sostegno al reddito, e su un eventuale riforma della Naspi più favorevole alla stagionalità».

«Ci preoccupa – ha dichiarato inoltre Mimma Calabrò, segretario regionale della Fisascat Cisl – il fenomeno del possibile o probabile ripristino dei voucher di cui nel passato molte aziende hanno abusato per coprire lavoro precario o sommerso».

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.