Primo Piano

Lavoratori portuali, Fit Cisl: “Salvi i posti di lavoro”

Porto Palermo, foto internet

“La commissione consultiva del porto di Palermo e Termini Imerese, si è pronunciata in maniera contraria alla richiesta di autoproduzione avanzata dalle società Grimaldi e Compagnia delle Isole, è un fatto molto importante che, dopo il tentativo andato a vuoto a Genova e Savona, anche a Palermo sancisce il primato del lavoro portuale”. Ad affermarlo rendendo noto l’esito del parere della Commissione consultiva dell’Autorità portuale di Palermo sulla richiesta di autorizzazione avanzata dalla società armatoriale Grandi Navi Veloci, così come Compagnia delle Isole ex Siremar, per svolgere per proprio conto dunque in autogestione il servizio di rizzaggio, derizzaggio e taccaggio all’interno del porto di Palermo è Nino Napoli Segretario regionale Fit Cisl portuali.

“Ora – prosegue Napoli – dialogheremo con le compagnie armatoriali a difesa del lavoro e dei diritti dei lavoratori. Non è possibile risolvere i problemi abbassando gli standard di sicurezza facendo svolgere le operazioni portuali a personale non qualificato e che, magari, ha già svolto il proprio turno di lavoro prima di attraccare in porto”. La scelta avrebbe comportato la perdita di ben 300 posti di lavoro, “sarebbe stata una vera e propria emergenza sociale” conclude Napoli.

Comunicato stampa

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.