CronacaPrimo Piano

Manifestazione degli studenti: momenti di tensione a Palermo

Manifestazione a Palermo (foto internet)

Atmosfera tesa questa mattina a Palermo: nel corso della manifestazione contro i tagli del governo alla scuola alcuni studenti manifestanti hanno dato il via al lancio di pietre e bottiglie di vetro ferendo ben tre agenti di polizia.

I poliziotti hanno risposto lanciando lacrimogeni e provando a disperdere i manifestanti, che sono ugualmente riusciti a raggiungere Palazzo d’Orleans, sede del governo regionale, dove hanno cominciato con il lancio dei cannoli e delle crocchè, accompagnati da uno striscione contro il nuovo presidente della Regione, Rosario Crocetta: “Ma quali Crocette, ma quali Crocchè noi il futuro ce lo prendiamo a Spinta“.

Parole che alludono a una pretesa continuità di gestione con l’Mpa di Lombardo e al presunto «patto delle crocchette» tra Crocetta e Micciché, tormentone della campagna elettorale, ma sempre smentito dai due politici.

Un giovane è stato fermato e condotto in questura per accertamenti, altri gruppi di giovani dei centri sociali caricati prima davanti alla sede della presidenza della Regione siciliana e poi all’altezza della cattedrale.

Chiusa anche la stazione centrale, bloccando i passeggeri, per evitare il blocco dei binari da parte degli studenti, come era accaduto precedentemente, scatenando la rabbia dei pendolari; Cattedrale blindata da agenti e finanzieri con caschi e manganelli in supporto degli altri poliziotti che formavano un cordone, per salvaguardare il convegno in corso nella Biblioteca regionale al quale era presente il presidente del Senato Renato Schifani.

Petardi, traffico e gente in tilt in tutte le stradine di accesso al corso Vittorio Emanuele e dintorni.

Concetta Ventimiglia 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.