Primo Piano

L’alleanza che non ti aspetti: Google ed Apple insieme per i brevetti Kodak

Kodak, foto internet

Google ed Apple, da sempre in perenne lotta per affermarsi nel ruolo di azienda leader in diversi campi, dopo essersi fatti la guerra tutta l’estate a suon di denunce per violazione di brevetti, hanno messo da parte i vecchi rancori e, con una manovra economica da capogiro (500 milioni di dollari) hanno, insieme, acquistato oltre 1000 brevetti di proprietà della Kodak, una azienda che fu leader nel settore della fotografia e che oggi è sul lastrico, anche a causa della feroce concorrenza. Oggi, infatti, si accede al mondo della fotografia dalla maggior parte dei dispositivi mobili, fatto che ha spinto l’utenza, in certi casi, a rinunciare alle classiche macchine fotografiche

Tra l’altro, come è noto a livello mondiale, la Kodak, è in bancarotta dal luglio del 2012, anno in cui la società fu costretta a ricorrere al prestito multimilionario per salvarsi dal fallimento totale. Wall Street Journal ha pronosticato che grazie alla vendita dei brevetti la Kodak potrà salvarsi.

Secondo alcune indiscrezioni, le due aziende, leader nella produzione di smartphone, tablet e pc, indipendentemente l’una dall’altra, approfittando del difficilissimo momento economico di Kodak, avrebbero cercato di acquistare tutti i brevetti da sole, ma i costi da sostenere sarebbero stati troppi.

Si tratta, per il momento, solo di indiscrezioni che, se confermate, apriranno due scenari interessanti: il primo è che le due aziende, forse, smetteranno di farsi la guerra e, finalmente, potrebbero anche cominciare a collaborare per produrre qualcosa di mai visto prima d’ora. Inoltre i “patents” acquistati potrebbero essere molti utili per l’innesto di fotocamere molto evolute negli smartphone di prossima generazione, visto che in quelli attuali i sistemi di acquisizione dell’immagine, per quanto siano notevolmente migliorati rispetto al passato, sono ancora da migliorare.

Francesco Arpa

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.