Primo PianoSport

La spedizione Atlantic Rib Crossing “Palermo – Rio de Janeiro” punta verso Gibilterra

Continua l’affascinate spedizione Atlantic Rib Crossing  partita l’11 febbraio dal porto di Cala dei Normanni, nella borgata Arenella con destinazione Rio De Janeiro a bordo di un gommone Noah 29, battezzato “Elenka”.  I protagonisti  dell’impresa oltre Sergio Davì, organizzatore e presidente dell’Associazione Ciuri Ciuri Mare, sono Alessio Bellavista e Massimo Rocca.

La spedizione, dopo un iniziale ritardo, dovuto al mal tempo, rispetto alla data prevista per la partenza entra adesso nel vivo.

L’equipaggio nei giorni scorsi ha navigato verso ovest, percorrendo già circa 900 miglia nautiche (circa 1800 km per i meno esperti di nautica).

Dopo la partenza e una bella navigazione notturna con mare calmo, l’equipaggio ha raggiunto la sua prima tappa, Tabarka in Tunisia. Qui ha ormeggiato per rifornimento di carburante e riposare. Mollati gli ormeggi di Tabarka la spedizione ha costeggiato il nord africa con l’intento di percorrere circa 180 miglia nautiche per raggiungere Bejaia, in Algeria. Condizioni meteomarine avverse hanno costretto l’equipaggio, invece, a riparare a Skikda, porto algerino a circa metà percorso. Chi va per mare sa bene quando è il momento di osare e quando invece occorre ubbidire, rispettosi, al mare.

Il maltempo ha costretto l’equipaggio a sostare a Skikda per ben 6 giorni. Giorni che a pieno titolo fanno parte della spedizione, infatti i nostri hanno avuto modo di fraternizzare con i piloti del porto e con la gente di mare del luogo, scambiando racconti di mare, aneddoti, episodi, paure e speranze. Scambiando cultura di mare tra persone che vivono lo stesso mare, il mare nostro, un mare che in questo caso unisce piuttosto che dividere.

Finalmente, le condizioni meteo consentono di mollare gli ormeggi, la prua è sempre verso ovest e le colonne d’Ercole sempre più vicine. La spedizione, intenzionata a recuperare il tempo trascorso a terra, naviga per 27 ore consecutive e raggiunge Melilla, dove l’equipaggio è ospite (per l’ormeggio) nel Puerto Noray. Siamo sulle rive dell’Africa, geograficamente in territorio marocchino, ma la città appartiene alla Spagna. Nuovi volti, nuove culture, nuovi racconti. Sempre grande entusiasmo accoglie il gommone di 8 mt che arriva da così lontano.

Adesso manca davvero poco a Gibilterra, a cambiare mare, dal mediterraneo all’oceano Atlantico e poi verso sud, sempre costeggiando le rosse spiagge del Marocco e poi ancora il Sahara Occidentale, per giungere nelle isole di Capo Verde e poi sarà solo mare per tante tante ore (circa 3 giorni).

La spedizione Atlantic Rib Crossing continuerà a raccontare le proprie avventure dal profilo facebook di Ciuri Ciuri Mare Nautica (https://www.facebook.com/ciuriciurimare.nautica), dalla pagina facebook della missione (Atlantic RIB Crossing Palermo-Rio de Janeiro in gommone) e grazie al collegamento satellitare che consente anche di segure su google maps la posizione dell’equipaggio in tempo reale tramite il sito https://my.yb.tl/fbdesign/.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.