Cultura

La situazione dei diritti umani in Italia: i Forum Difensori di Amnesty International in Sicilia

Logo

Palermo, Catania, Trapani ed Agrigento, quattro giornate dedicate alla situazione dei diritti umani in Italia, contributi di spessore ed ospiti di fama internazionale: è questa la formula dei Forum Human Rights Defenders 2014 di Amnesty International in Sicilia.

Nel capoluogo isolano, Sabato 13 Dicembre 2014 dalle 17:00 nella la sede della Consulta delle Culture presso le Scuderie di Palazzo Cefalà (Vicolo Sciara – Palermo), si aprirà la serie di iniziative con il primo dei quattro appuntamenti.

Negli ultimi 10 anni, il numero di omicidi da uomo su uomo è diminuito mentre è aumentato il numero di donne uccise per mano di un uomo: oltre 100 ogni anno. Affrontando la vicenda del femminicidio di Stefania Noce si analizzerà il tema della violenza sulle donne e dei diritti negati loro ancora oggi. Al termine saranno conferiti i Premi Human Rights Defenders a Serena Maiorana – autrice di “Quello che resta. La storia di Stefania Noce” – e a Stefania Noce (in memoria). Un riconoscimento speciale andrà a Rosa Lunetta, attivista storica e socia fondatrice di Amnesty International in Sicilia.

A Catania, Martedì 16 Dicembre dalle 16:30 presso la Sala delle armi del Museo Civico di Castello Ursino in Piazza Federico di Svevia, si approfondiranno il caso Cucchi e la campagna Globale “Stop alla Tortura”, risposta di Amnesty International ad una barbara violazione che, dopo trent’anni, la Convenzione Internazionale in materia non è riuscita a contrastare adeguatamente. A chiusura del Forum verrà consegnato ad Ilaria Cucchi il Premio Human Rights Defenders.

Testimoniare la vicinanza alle vittime delle violazione dei diritti umani, sconfiggere la solitudine di chi lotta ogni giorno per la tutela della propria dignità ed affrontare problematiche con incontri aperti alla cittadinanza quali i quattro Forum che si svolgeranno questa settimana, è fondamentale per andare oltre la retorica e dare vita al vero cambiamento.” – afferma Liliana Maniscalco, Responsabile di Amnesty in Sicilia.

Venerdì 19 Dicembre a Trapani dalle ore 10:00, all’interno del Polo Didattico dell’Università degli Studi di Palermo in Lungomare Dante Alighieri 2-4 (Erice), il terzo confronto dedicato alla figura del Difensore dei diritti umani.

La presentazione del libro “Chiara di Assisi. Elogio della disobbedienza” di Dacia Maraini – premiata di questa tappa inedita – sarà l’occasione per aprire un dibattito sui diritti delle donne e le loro libertà e sensibilizzare i presenti su quanti passi debba ancora fare il nostro territorio per educarsi ed andare oltre i propri limiti culturali.

Sempre Venerdì 19 Dicembre ma ad Agrigento, presso l’Ex- collegio dei Filippini in Via Atenea 270, vi aspettiamo dalle 16:30 per concludere il percorso dei Forum.

Un discorso integrato sui temi della tortura e della trasparenza delle Forze di Polizia grazie alla presentazione delle pagine del libro “Una sola stella nel firmamento. Io e mio figlio Federico Adrovandi” – di Francesca Avon – accompagnerà gli intervenuti fino al centro di un problema che tocca in prima persona anche quelle nazioni che sembrerebbero apparentemente insospettabili. Ufficialmente vietata dalla maggior parte degli ordinamenti giuridici, spesso persino all’interno delle costituzioni, negata oltre l’evidenza, secondo l’ultimo Rapporto annuale di Amnesty International la tortura è praticata ancora in 112 paesi.

Il Premio Human Rights Defenders di questo ultimo incontro sarà conferito a Patrizia Moretti, madre di Federico.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.