Scuola & Università

La dieta senza glutine può far ingrassare

Cibi senza glutine. Foto Internet

La diffusione sempre maggiore di prodotti gluten-free per celiaci ha partorito alimenti non necessariamente più sani, anzi. Un’indagine ha scoperto che proprio i cibi senza glutine possono nascondere troppi grassi poco salutari.

Il Sunday Times ha condotto un’indagine sui prodotti privi di glutine in vendita in quattro grandi supermercati britannici. In alcuni casi la quantità dei grassi nei cibi senza glutine è addirittura cinque volte superiore rispetto agli stessi prodotti da forno con glutine. Un esempio rappresentativo della situazione è quello di un muesli senza glutine che è risultato fornire, con una sola tazza, tanti grassi quanti ne sono presenti in una barretta fatta di cioccolato, mou e caramello.

In genere ci si rivolge a questa categoria di alimenti perché si è costretti per motivi di salute, per tenere a bada la celiachia, un disturbo scatenato da una reazione immunitaria nei confronti del glutine, proteina presente del grano, nell’orzo e in altri cereali.

La parete dell’intestino viene gravemente danneggiata da questa attivazione delle difese immunitarie e l’unico modo per ripararla e consentire la ripresa delle funzioni digestive è evitare completamente il glutine. Ciò significa, ad esempio, rinunciare a pasta, pane, pizza e qualsiasi altro derivato dei cereali che contengono questa proteina.

Sarah Sleet, direttore generale dell’associazione Coeliac UK, ha sottolineato che il numero dei casi di celiachia, sebbene in aumento, non giustifica la crescita del mercato dei prodotti senza glutine. “Molte persone – ha spiegato Sleet al tabloid britannico– scelgono di passare al gluten-free semplicemente perché vogliono ridurre il loro consumo di carboidrati” con la convinzione che questa scelta sia utile per perdere peso.

Celeste Bufalino

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.