Economia & Lavoro

La crisi del Turismo in Sicilia. Falcone: “Sbloccare Fesr”

Marco Falcone. Foto Internet

“Quali sono i motivi del macroscopico ritardo in cui versa l’intero bando Por Fesr e, in particolare, la misura in favore delle piccole e medie imprese siciliane che ha per obiettivo l’attivazione, la riqualificazione e l’ampliamento dell’offerta ricettiva locale?”. Lo chiede Marco Falcone con un atto ispettivo che prevede risposta urgente in Aula.

Il vicepresidente del gruppo Pdl all’Ars, mentre sottolinea che il bando relativo era stato emanato dall’assessorato al Turismo già nel “lontano giugno 2010” chiede anche se “È stata ultimata la graduatoria degli aventi diritto o se questi ritardi siano causati da eventi che esulano dalle competenze della Regione”.

Il bando è stato ripresentato alcuni mesi dopo con scadenza per la presentazione delle domande fissata in aprile 2011 mentre il suo iter veniva affidato all’assessorato per le Attività produttive: novità assoluta – rimarca Falcone – per i criteri solitamente adottati dalla Regione siciliana.

“Tenuto conto che: nonostante siano passati quasi tre anni dalla prima edizione del provvedimento, nulla ancora si sa sul suo sviluppo procedurale mentre circolano numerose voci su possibili graduatorie e su improbabili esclusioni. Ma nulla vi è di certo, nulla trapela fuori dalle ermetiche porte dell’Assessorato regionale per le Attività Produttive – dice Falcone, il quale chiude puntualizzando.

Questo stato di incertezza causa danni incalcolabili agli imprenditori del settore turistico: fidejussioni bloccate, ristrutturazioni alberghiere ferme in attesa dei fondi con relativo calo delle prenotazioni a causa della vetustà degli immobili, stagioni estive 2013 e 2014 irrimediabilmente compromesse…”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.