Primo PianoTecnologia

La crescita del web e il rapporto tra i giovani e l’informazione: i dati 2019

(di Luca Pavesi) Il web e la sempre maggiore disponibilità di connessioni internet hanno cambiato il modo di informarsi e di entrare in contatto con l’attualità, in Italia e in qualsiasi luogo del mondo.

Se un tempo si attendeva l’inizio del TG delle 20 davanti la tv, oggi basta aprire Facebook o navigare dal proprio smartphone per essere sempre aggiornati.

 

I giovani e l’informazione: come cambia il rapporto con l’attualità in Italia

Oggi la rete ha assunto un ruolo sempre più centrale nella vita di ciascuno di noi, e in particolar modo in quella dei più giovani. Se in molti pensano ai giovani come dipendenti dal proprio smartphone e dalla rete, non tutti sanno che sempre più ragazzi utilizzano il web proprio per informarsi.

Sono i dati a confermarlo: l’Indagine Demopolis ha fatto luce sulle abitudini dei più giovani ed il loro rapporto con la rete; il dato forse più impressionante è la percentuale degli under 30 che accede quotidianamente al web, che sfiora il 95%, con addirittura un 60% di giovani sempre connessi.

Insomma le nuove generazioni sembrano preferire di gran lunga gli schermi digitali alla carta stampata, privilegiando social network come Facebook e Youtube ai tradizionali quotidiani.

Anche i telegiornali e i programmi di informazione televisiva hanno subito un evidente calo, passando dal 76% al 66% in soli 10 anni (2009 – 2019), mentre i social hanno fatto registrare un andamento diametralmente opposto passando dal 15% al 63% di preferenze.

Infine un altro dato molto interessante è quello legato agli interessi dei più giovani: ben il 70% si dichiara molto interessato a fatti locali che avvengono in città o nei dintorni, circa il 75% si interessa di notizie a livello nazionale, mentre solo poco più del 40% presta attenzione a quanto accade in Europa e nel mondo.

 

La crescita di internet: Italia 8° nel mondo per crescita di utenti

La diffusione della rete continua a crescere in tutto il mondo, tanto che i primi dati del 2019 parlano di 11 nuovi utenti su internet ogni secondo. Le nazioni che fanno registrare i tassi di crescita più alti sono naturalmente quelle in forte espansione (Asia e Africa in testa).

Anche l’Italia, fortunatamente, si trova in una posizione di tutto rispetto: 8° posto mondiale e primo in Europa occidentale per nuovi utenti internet, con una crescita del 27% rispetto al 2018.

L’aumento delle connessioni è anche merito delle nuove tecnologie che permettono a sempre più utenti di accedere alla web, come la rete LTE di Linkem che porta internet in modalità ricaricabile in molte aree tradizionalmente non coperte dai classici “cavi”.

Ma veniamo ora alle attività preferite dagli utenti in rete, per rispondere alla classica domanda “come passano il loro tempo online gli italiani?”. Prima di tutto va detto che in media si passano più di 6 ore al giorno online, dedicando circa 2 ore ai propri profili social, 44 minuti alla musica in streaming, e quasi 3 ore al giorno per vedere programmi di intrattenimento in streaming e on demand.

Concludiamo ricordando come la crescita degli utenti che utilizzano internet sia un grande vantaggio e una grande occasione anche per le aziende italiane, come dimostrato dalla crescente attenzione per le nuove frontiere del commercio online.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.