PoliticaPrimo Piano

La Camusso sceglie Crocetta e fa irritare la Marano

Susanna Camusso (foto Internet)

La distanza politica tra Cgil e Fiom comincia a diventare siderale. Negli ultimi tempi Maurizio Landini, leader dei metalmeccanici, si è fatto vedere sempre più spesso insieme all’ala più radicale della ex foto di Vasto, ovvero Nichi Vendola e Antonio Di Pietro, dando così qualche grattacapo alla casa madre della Cgil che ha un canale privilegiato con il Pd di Pierluigi Bersani.

La scelta siciliana di Sel e Idv di candidare il segretario regionale della Fiom Giovanna Marano ha rafforzato il legame tra il sindacato dei metalmeccanici e la sinistra radicale, ma la candidatura della Marano però non è proprio piaciuta alla Cgil che aveva già scelto il candidato di Pd e Udc Rosario Crocetta.

La risposta della Cgil non si è fatta attendere: già all’apertura della campagna elettorale di Crocetta al teatro Politeama di Palermo c’era una nutrita delegazione della Cgil con tanto di bandiere del sindacato, ma l’evidenza della spaccatura si avrà domenica prossima quando il segretario generale della Cgil Susanna Camusso sbarcherà a Palermo per partecipare insieme a Rosario Crocetta ad una manifestazione a sostegno della candidatura all’Ars del segretario regionale della Cgil Mariella Maggio.

E la spaccatura sarà davvero evidente perché nello stesso momento a pochi chilometri di distanza Giovanna Marano presenterà la propria candidatura insieme ai vertici siciliani dei dipietristi.

L’ex segretaria della Fiom non ha ufficialmente commentato la presenza di Susanna Camusso a Palermo, ma si dice che Giovanna Marano non abbia per niente gradito questo entrata a gamba tesa della Cgil nella campagna elettorale siciliana.

Adriano Frinchi

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Un Commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.