Cronaca

La Boldrini risponde alle minacce: “Io non ho paura”

La Presidente della Camera Laura Boldrini denuncia le minacce di morte che costantemente ogni giorno riceve via mail o sui social network. Sono minacce di morte, di stupro, di sodomia, di tortura, con testi spesso accompagnate da immagini.

“Ti devono linciare, puttana”, “Ti ammanetto e ti chiudo in una stanza buia”, “gli immigrati mettiteli nel letto, troia” ; ecco alcuni dei messaggi che la Boldrini riceve abitualmente, inviati da profili tutti rintracciabili e perseguibili penalmente, se denunciati.

Di seguito le dichiarazione della Boldrini in merito all’accaduto: “Non possiamo considerare meno rilevante ciò che accade in rete rispetto a quel che succede per strada. Io ho chiesto di non essere scortata. Non ho paura di camminare per Roma. Può succedere qualsiasi cosa in qualsiasi momento, certo, ma questo vale per chiunque. Piuttosto – ha ribadito la presidente Boldrini – mi pare molto più grave, molto più pericoloso che si diffonda in rete una cultura della minaccia tollerata e giudicata tutt’al più una burla, come certi hanno scritto”.

“Quando una donna riveste incarichi pubblici si scatena contro di lei l’aggressione sessista – ha proseguito la Boldrini – che sia apparentemente innocua o violenta assume sempre la forma di minaccia sessuale, con un lessico che parla di umiliazioni e di sottomissioni. Non bisogna più avere paura di dire che è una cultura sotterranea in qualche forma condivisa. Un’emergenza, in Italia. Perché le donne muoiono per mano degli uomini ogni giorno, ed è in fondo sempre considerata una fatalità, un incidente, un raptus. se questo accade è anche perché chi poteva farlo non ha mai sollevato con vigore il tema al livello più alto, quello istituzionale. Facciamolo, finalmente”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.