Primo PianoSport

Italia – Francia 1-2: El Sharaawy illude, poi Valbuena e Gomis

El Shaarawy. Foto Internet

L’Italia cade in amichevole contro la Francia, perdendo al Tardini per 1-2. Gli azzurri erano andati in vantaggio con El Shaarawy, ma sono stati raggiunti immediatamente da Valbuena e sorpassati, nella ripresa, da Gomis.

Prandelli schiera un’Italia giovane, lasciando in panchina Pirlo e Buffon e mandando in campo dal 1’ Verratti, Sirigu, El Sharaawy e Balotelli, tutti potenziali protagonisti ai prossimi Mondiali brasiliani.

La partita, per il primo quarto d’ora, la fanno gli Azzurri che macinano un bel gioco e chiudono i transalpini nella loro metà campo, colpendo una traversa con Balotelli, abile nella botta dai 25 metri dopo un ottimo scambio in verticale con El Sharaawy: i due per gran parte del primo tempo duettano bene, dimostrando di avere una buona intesa.

La Francia non reagisce, ma fino alla mezz’ora riesce a respingere l’Italia lontano dalla porta di Lloris, pur senza rendersi mai pericolosa dalle parti di Sirigu.

Poi al 34’ l’Italia passa meritatamente in vantaggio con un’azione corale sontuosa, tutta in verticale, come vuole la filosofia di gioco del c.t. Prandelli: lancio lungo di Barzagli, con Balotelli che protegge col fisico e smista di prima a Montolivo, bravissimo nel verticalizzare immediatamente sul “Faraone” El Sharaawy che taglia in due la difesa dei Galletti e deposita in rete. E’ il primo gol in nazionale maggiore per l’italo-egiziano.

La felicità dei padroni di casa però dura poco, perché Valbuena pareggia subito con un gol bellissimo: parte sull’out di sinistra, salta Verratti e Barzagli e con un delizioso destro a giro, dal vertice sinistro dell’area azzurra, trova l’incrocio dei pali dalla parte opposta, mandando le squadre a riposo sull’1-1.

Nella ripresa Prandelli mescola le carte e cambia interamente il centrocampo: dentro Giaccherini, Florenzi e Pirlo, fuori Verratti, Marchisio e Montolivo. In campo anche Bonucci al posto di Barzagli.

La gara ne risente, Deschamps rivoluziona la squadra e la partita assume ritmi blandi, da amichevole.

Al 66’ però la Francia trova il guizzo e riesce a raddoppiare, grazie ad una dormita della difesa azzurra: Gomis in spaccata spedisce in rete un cross invitante dalla sinistra.

L’Italia non ci sta e reagisce, colpita nell’orgoglio, buttandosi in avanti alla ricerca del gol del pari, sfiorato prima da Diamanti e Giovinco, poi da Giaccherini, che a pochi minuti dal termine incoccia la traversa a portiere battuto.

L’Italia perde un match che avrebbe ampiamente meritato di pareggiare, se non addirittura di vincere, se si fosse svegliata prima dello schiaffo di Gomis. Buon primo tempo degli azzurri, peggio la ripresa, in cui si è vista in campo una squadra molle e senza aggressività, salvo gli ultimi 20’, nei quali però il forcing azzurro non ha dato i suoi frutti.

La Francia vince con il minimo sforzo. Nel primo tempo palesa un ritardo netto rispetto all’Italia, non tanto di condizione fisica quanto sul piano dei meccanismi di gioco, ma riesce comunque a vincere questa amichevole di lusso, dopo quella di appena un mese fa pareggiata in Spagna contro i campioni d’Europa e del Mondo.

Per l’Italia è la quinta sconfitta nelle ultime cinque amichevoli ma, per fortuna, gli azzurri hanno dimostrato di saper vincere quando in palio c’è qualcosa di più che la gloria di un’amichevole autunnale.

I MIGLIORI

Valbuena 8 – In serata di grazia, questo peperino è formidabile palla al piede. Trova un gol fantastico sul finire del primo tempo, ma in generale impressiona per la continuità delle sue giocate, che mettono in imbarazzo la retroguardia azzurra.

Balotelli 7 – Altra buona prova in azzurro. Gioca di fisico, caparbio cerca il gol fino alla fine. Si intende bene con El Shaarawy e regala qualche giocata di classe e centra pure una traversa.

El Shaarawy 7 – Per la prima mezz’ora non lo vedi, se non quando serve l’assist per la traversa di Balotelli, poi si accende e trova il gol del vantaggio. Per adesso trasforma in oro tutto ciò che passa dai suoi piedi. In periodo di grazia.

I PEGGIORI

Marchisio 5 – Gioca un tempo, ma non riesce ad entrare in partita. Tocca pochi palloni, si vede che non è in serata, forse a causa del modulo che lo costringe a compiti più difensivi e lo limita nelle incursioni offensive, suo marchio di fabbrica.

Balzaretti 5,5 – Non sbaglia, ma sul suo out non spinge quasi mai. Dal suo lato l’Italia potrebbe mettere in difficoltà la Francia, ma non lo fa quasi mai.

Paolo Guagliardito

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.