Primo Piano

Incontemporanea Arte Attiva : centinaia di visitatori al quattordicesimo conclusivo appuntamento della rassegna.

Scultura, pittura, musica e centinaia di visitatori, all’evento conclusivo al Dock 7 agli ex magazzini Tirrenia, in via dell’Arsenale.

Più di 2000 visitatori complessivamente hanno ammirato le opere che 120 artisti dall’inizio di settembre hanno esposto ,in diversi luoghi della città; una riuscita rassegna frutto dell’impegno e dell’idea  di Luisa La Colla.

“Quella di oggi vuole essere una sintesi, una grande chiusura  – spiega l’architetto e consigliere comunale La Colla – con tutti gli artisti che hanno occupato la città nei vari spazi, talvolta non usuali per l’arte, come il Dock 7 che è stato gentilmente concesso dal presidente Vincenzo Cannatella dell’Autorità portuale. Abbiamo avuto tante altre performance, come quelle a villa Lampedusa o la Danza Butō. E’ da sottolineare, poi, che nessuno di questi artisti ha sborsato un euro. Insomma, l’arte per l’arte”. 

Ma vera espressione dell’arte contemporanea è anche la street art. Con bombolette spray e stencil, molti giovani artisti hanno dato così vita a una performance live dell’arte di strada. “La nostra è arte che è anche forma di ribellione – spiega Davide Furia, presidente dell’associazione Color Creation – La street art, infatti, riguarda più un ambito urbano ma sicuramente è una forma di espressione. Ci sono molti artisti che meriterebbero più attenzione e proprio per questo con la mia associazione stiamo provando ad avere maggiori autorizzazioni. Più muri, più spazi”.

Ad accompagnare – tra gli altri – i curiosi nella visione delle opere, sui testi inediti di Andrea Mancuso, la performance del gruppo di archi e voci Cuori Siciliani che ha intrattenuto, tra note celestiali e ninna nanne, i presenti, nonché l’esibizione del musicista William Cloud. Una vera esplosione d’arte a 360 gradi, che chiude in qualche modo la manifestazione con una sorta di appello rivolto a tutta l’Isola e non solo.

Speriamo in un mecenatismo rifiorente – conclude l’ideatrice – e soprattutto auspichiamo che chi vuole organizzare mostre non faccia pagare agli artisti neanche un centesimo ma faccia in modo che siano loro a guadagnare qualcosa”.

Durante il pomeriggio insieme all’ideatrice Luisa La Colla, l’avvocato Fabio Cinquemani, Antonio Leto, la fotografa Pucci Scafidi, e le storiche dell’arte Roberta Rizzo e Alessandra Consiglio.

 

 

 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.