CronacaPrimo Piano

Inaugurato il nuovo ponte sull’Oreto

Si è svolta questa mattina, alla presenza del sindaco di Palermo Leoluca Orlando, del vice sindaco Emilio Arcuri, dei responsabili SIS e di Amat, l’inaugurazione del nuovo ponte sul fiume Oreto, che unisce il tratto di piazza Scaffa con quello di Corso dei Mille e che, a regime, consentirà il passaggio dei tram della linea 1 e delle auto, nei due sensi di marcia.

“La cosa straordinaria di questo ponte, modernissimo e unico nel suo genere, – ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando – è che si trova fra altri due ponti, quello ‘dell’Ammiraglio’, che è parte del circuito arabo normanno, e quello delle ‘Teste mozze’, che è stato recuperato grazie a quest’opera e che altrimenti sarebbe rimasto nascosto. Abbiamo, quindi, tre ponti in duecento metri di territorio.

E’ un’occasione unica per riqualificare questa zona e, soprattutto, – ha continuato il primo cittadino – per avviare la realizzazione di un’area verde in questo spazio, occupato da edifici fatiscenti, che abbiamo intenzione di demolire. Il nostro obiettivo è, infatti, quello di trasformare un luogo abbandonato, in un posto che sia fruibile dai cittadini. E’ un’operazione di passato e di futuro al tempo stesso per i palermitani, che con fatica si sono affezionati al ponte dell’Ammiraglio, finalmente in buone condizioni, dopo anni di abbandono. Ora mi auguro che si innamorino anche di questo ponte moderno e di quello delle Teste mozze. In altre parole, spero che si innamorino di Palermo”.

“E’ un altro tassello della realizzazione del tram a Palermo – ha detto il vice sindaco Emilio Arcuri -. Procediamo speditamente per consegnare alla città, nei tempi previsti, un’opera civile che contribuirà a migliorare il sistema della mobilità e l’immagine stessa di Palermo”.

Dopo la posa, i lavori di calibrazione e di realizzazione della sede stradale si protrarranno fino a giugno.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.