Politica

In Sicilia arriva il ddl per reddito minimo coppie di fatto e gay

Foto internet

Un’innovazione legislativa che già fa discutere. La Sicilia guarda alla sfera dei diritti e lancia il reddito minimo garantito esteso alle coppie di fatto e agli omosessuali. Lo fa con un ddl, primo firmatario il deputato del Megafono Nino Oddo, che è stato presentato all’Assemblea regionale siciliana alla presenza, tra gli altri degli esperti a titolo gratuito del gruppo parlamentare che hanno lavorato al testo della proposta di legge, che dovrà passare al vaglio delle commissioni per poi approdare in Aula all’Ars.

Quindici articoli in tutto per introdurre una previsione normativa finalizzata a “far fronte efficacemente ai fenomeni di povertà e di disagio economico”. Con una novità assoluta: per la prima volta la Regione riconosce la convivenza omosessuale. “Con questa legge che speriamo di far approvare all’Ars in tempi rapidi e sulla quale abbiamo gia’ un approccio con il gruppo Cinquestelle – afferma Oddo – introduciamo nuove misure che integreranno il welfare regionale. Sarà garantito un reddito minimo ai nuclei di convivenza senza distinzione tra le coppie more uxorio e quelle gay. Il reddito minimo favorirà l’inclusione sociale per i disoccupati, gli inoccupati e i precariamente occupati”.

Per l’applicazione nel primo anno sono già pronti 50 milioni di euro, ma tengono a precisare i promotori del ddl, che porta la firma anche da deputato regionale del presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, il testo “non deve essere considerato come intervento puramente assistenzialistico”, come “distribuzione generalizzata di reddito”. Ai nuclei di convivenza bisognosi, iscritti in un apposito registro, saranno assegnati circa 400 euro mensili. Il beneficio sarà riconosciuto a “coloro che sono in possesso della cittadinanza italiana e a tutti in forma non discriminatoria (di sesso, di razza, di religione)” e sara’ finalizzato “a contrastare il rischio di marginalità, garantire la dignità della persona e favorire la cittadinanza”. (Adnkronos)

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.