Economia & LavoroPrimo Piano

Imprese: siglato protocollo d’intesa Confindustria Sicilia-Irfis. 150 milioni per le Pmi

Antonello Montante e Rosario Basile

Fornire consulenza e assistenza alle imprese sugli strumenti di finanza agevolata gestiti dall’Irfis FinSicilia e favorirne l’accesso al credito in un momento di crisi economica senza precedenti. Con questo obiettivo è stato firmato a Palermo un protocollo d’intesa tra la finanziaria della Regione siciliana e Confindustria Sicilia.

Due i cardini dell’accordo: la formazione del personale dell’associazione degli industriali sugli strumenti di finanza agevolata già presenti nel portafoglio Irfis e l’apertura di veri e propri sportelli gestiti dalla società regionale per consentire di istruire le richieste di finanziamento direttamente nelle sedi provinciali di Confindustria. A disposizione delle imprese, un plafond di 150 milioni di euro, a cui si aggiungono altri 83 milioni che attendono la definitiva assegnazione all’Irfis da parte del Ministero dell’Economia.

A siglare il protocollo sono stati il presidente di Confindustria Sicilia, Antonello Montante, e il presidente di Irfis, Rosario Basile. “In un momento storico di enorme difficoltà di accesso al credito – ha detto Montante – questo protocollo con l’Irfis assicura credito a medio e lungo termine alle imprese. Inoltre l’Irfis si impegna a formare il nostro personale per sostenere le imprese. E ricordiamoci che un’impresa sana che rimane sul mercato, significa anche lavoro e ricchezza delle famiglie. È una staffetta”.

“La mission dell’Irfis – ha commentato Basile – è quella di sostenere le imprese, crearne di nuove e dare linfa a progetti innovativi. Ed è in quest’ottica che rientra il protocollo con Confindustria. L’Irfis sta attraversando una fase di profonda trasformazione. Domani è previsto un incontro con Bankitalia per discutere delle opportunità di sviluppo della società, perché l’attività primaria di quello che fu il mediocredito del Banco di Sicilia-Unicredit prima che la Regione ne rilevasse le quote, ritorni ad essere l’erogazione del credito. In questo modo potremo uscire da un vecchio sistema con due controllori, Regione e Bankitalia, e tornare a essere espressione del mondo bancario”.

Ma perché l’iter vada avanti è necessario che il Parlamento siciliano trasformi in legge il ddl già approvato dalle commissioni Attività Produttive e Bilancio dell’Assemblea Regionale e che prevede la gestione separata dell’Irfis e la sua trasformazione in un istituto di intermediazione finanziaria. “Approvazione – ha aggiunto Basile – che deve avvenire entro il prossimo 10 gennaio. Pena la decadenza dell’Irfis dall’elenco 107 degli istituti bancari”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.