Download http://bigtheme.net/joomla Free Templates Joomla! 3
Home / Editoriale / Imprenditori e cittadini: tra rating bancario e scarsa politica è un vero inferno italiano

Imprenditori e cittadini: tra rating bancario e scarsa politica è un vero inferno italiano

foto archivio Panastudio
foto archivio Panastudio

(di Francesco Panasci) Non è un allarme ne tantomeno un avviso.

E’ la realta quotidiana di un Paese che non cresce. Anzi è peggio. Un paese che non trova la sua “normalità”.

Imprese che non producono più e cittadini sempre più poveri, tanto poveri, che pur di risparmiare evitano pure di curarsi.
Si perchè curare la propria salute ha un costo. Un costo talmente alto che la stessa nostra vita non è più prioritaria.

Potremmo dire che vivere non è cosa da tutti ?
Si, possiamo affermarlo certamente. Il 60% del popolo italiano non riesce a pagare le visite mediche ne  le cure, e ancor peggio comprare medicine. Stiamo ancora, dopo quasi 5 anni, subendo una crisi economica interminabile cha ha strappato tutto quello che c’era da strappare ai “comuni” cittadini e imprenditori.

I “comuni” (da non confondere con le istituzioni) sono  quelli che non avendo “santi in paradiso” a nessuno possono rivolgere preghiera o accendere candele e quindi sperare nel proprio miracolo.

Molti di questi “santi” hanno perso il dono del “miracolare” e accade che gli stessi Santi si rivolgono ad altri Santi e Santoni per la preghiera congiunta al fine di miracolarsi  a vicenda.

Certo è che un tempo i miracoli si avveravano con poco sforzo e in diversi modi…bastava un santino per stare discretamente bene.

Oggi invece  se volete investire su un “buon santo” il rischio  c’è, eccome! O”Nun è Santu ca  sura” o non è più Santo.

Manco se rivolgete una preghiera a SantoCrocetta venerabile presidente della Regione Metropolitana Siciliana S.P.A.  potrà risolvere i problemi dei “comuni” e nemmeno degli “speciali”.

Insomma, pur provando a sperare (c’è poco) in un cambio di passo, di rotta o di botta di culo, ci accorgeremo che la stessa speranza  non è più auspicabile.

Gli imprenditori invece  lavorano ma non producono. Le loro interminabili giornate sono trascorse a contrastare la crisi senza fare impresa, ma  cercando di risolvere i molteplici problemi che i governi, con lo Stato a capo, ti arrecano attraverso tasse, fisco, lavoro, adempimenti, burocrazia, mancati pagamenti, banche, fornitori, durc, dipendenti, mutui, rating, basilee varie e affini.

Questi  sono i temi che gli imprenditori  trattano o tentano di trattare e risolvere nelle prime 9/10 ore della loro giornata. Come  e quando può  dedicarsi alla produzione e alla pianificazione di strategie e piani di azione per far vivere l’azienda? Certo che dopo avere dedicato dieci ore della loro giornata lavorativa alle infinite “camurrie” imposte dal “sistema” oppressivo e depressivo produttivo, nulla rimane per fare impresa.

Questi sono i veri problemi del nostro Paese. Tutti  motivi  causati dal nostro sistema nocivo e non produttivo nazionale, regionale e locale e prodotte  da malapolitica, malamministrazione, malaburocrazia, malosistemafiscale, malasistemalavoro,  malabanca, malantimafia e malafamia.

Si è scatenata quindi rabbia e depressione e malessere tra società civile e pubblica e nellle case e in famiglia. Valori, educazione e sorriso vengono a mancare. Manca tutto. Il Paese è  malato, e, se non si corre ai ripari, i figli di questa terra saranno i testimoni che racconteranno: “l’Italia ha UCCISO mio padre”

 

Print Friendly, PDF & Email

About Panasci

Giornalista editore e musicista. Da 20 anni anche produttore

Check Also

Vigili del fuoco - Piromani - Copyright Panasci 2017

CEFALU’: LA POLIZIA DI STATO INDIVIDUA ED ARRESTA UN PIROMANE, RESPONSABILE DI AVER APPICCATO NUMEROSI FOCOLAI

La Polizia di Stato ha tratto in arresto, in esecuzione ad ordinanza di misura cautelare in carcere emesse dal Gip presso il Tribunale di Termini Imerese, un 38enne cefaludese,

Rispondi