Televisione

Il “twerkatore” delle Iene vs Paola Ferrari “sotto shock”. Video

Diventato ormai famoso per l’insolito movimento di bacino, il “twerkatore” del programma televisivo di Italia 1 Le Iene questa volta sta facendo molto parlare di sé… e non solo. Stando alle parole del vicedirettore di RaiSport, Maurizio Losa, e del direttore Mauro Mazza, la giornalista sportiva Paola Ferrari avrebbe subito una vera e propria aggressione.

Risaliamo ai fatti. La Ferrari stava entrando nella sede della Rai quando il “twerkatore” le si è avvicinato iniziando a scuotere il bacino. Il personaggio delle Iene, abbigliato alla solita maniera – parrucca bionda, shorts attillati e canotta bianca – si è “esibito” nella sua solita scena, ma questa volta la reazione della vittima è stata molto diversa. Infatti la Ferrari è entrata immediatamente nell’edificio sotto shock e ‘impaurita’.

Il vicedirettore di RaiSport Losa ha dichiarato: “Paola Ferrari è riuscita a stento a divincolarsi, pensando fosse un tentativo di aggressione e una volta entrata nel palazzo è svenuta rimanendo sotto shock per alcune ore. Sarà comunque regolarmente al lavoro. Condanniamo con fermezza quanto accaduto per il cattivo gusto e la gravità di un presunto scherzo del genere e pretendiamo che almeno ci siano subito le scuse”.

Il direttore Mazza, dal canto suo, ha espresso pure il suo disappunto per quanto accaduto: “Paola Ferrari è ancora molto scossa per quanto accaduto davanti all’ingresso della Rai. L’episodio si commenta da sé, non ha nulla a che fare con la satira o l’ironia, se questo era l’intento dell’inviato delle Iene, l’effetto è stato diametralmente opposto all’intenzione. Per quanto accaduto c’è solo una cosa da fare: chiedere scusa subito e pubblicamente. Ho manifestato a Paola Ferrari la vicinanza e la solidarietà di tutta Rai Sport”.

Per “rimediare” all’accaduto Le Iene rispondono a tutte le polemiche pubblicando il video dello scherzo… Giudicate voi. Clicca qui per guardare il video de Le Iene.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.