PoliticaPrimo Piano

Regionali, il sindaco di Agrigento: “Campagna sottotono, elettori poco coinvolti”

Il sindaco di Agrigento Marco Zambuto

A meno di una settimana dal voto e dopo l’incredibile servizio andato in onda ieri su Report, abbiamo parlato delle elezioni regionali con Marco Zambuto, sindaco di Agrigento, esponente del partito Udc, riconfermato alle scorse amministrative.

Quale clima si respira ad Agrigento?

“È una campagna elettorale sottotono, è forte il sentimento che la politica non riesca a dare risposte ai cittadini. Gli elettori sono poco coinvolti e non credo sia un clima delimitato alla città di Agrigento”.

Crede che sia alto il rischio dell’astensionismo?

“No, non credo. Il popolo decide sempre per il meglio, è più avanti dell’uomo politico in termini di giudizio. Dalle urne usciranno grandi sorprese e tanti politicanti verranno bollati e rimandati a casa”.

Alle elezioni amministrative che l’hanno riconfermata sindaco, appena cinque mesi fa, Pd e Udc erano avversari; oggi alleati, mentre non si conoscono ancora i ruoli alle prossime elezioni nazionali. Come spiega questi repentini cambiamenti agli elettori?

“Alle amministrative con la mia lista civica e con la lista Udc ho battuto tutti, al primo e al secondo turno, con una proposta politica che contrastava il Pdl che da 20 anni nel nostro territorio ha abbandonato il popolo. Alle elezioni regionali l’Udc si propone come alternativa a Musumeci, perciò perfettamente in linea con la mia posizione alle amministrative”.

Ieri sera la trasmissione Report ha presentato un quadro elettorale in Sicilia totalmente privo di programmi di sviluppo, ma saturo di corruzione, malaffare e tattiche politiche volte alla ricerca di consensi. Cosa ne pensa?

“Non ho visto la trasmissione, comunque l’Udc ha stilato un codice etico che i candidati sottoscrivono accettando di seguire alcune regole di comportamento e dichiarando di non aver avuto rapporti con la criminalità”.

In qualità di sindaco, cosa vorrebbe chiedere al prossimo governatore della Sicilia?

“Chiedo che i fondi europei vengano utilizzati. Negli ultimi anni hanno cambiato 3 o 4 volte i dirigenti e le procedure per la partecipazione ai progetti. Perdere questi fondi significa perdere un’occasione di sviluppo per la nostra terra”.

Valentina d’Anna

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Un Commento

  1. Il sindaco Zambuto, che amici agrigentini definiscono serio, capace e onesto, ha detto tante cose giuste, eccetto per il fatto che non ha ricordato che l’UDC è stato un partito complice del governo Lombardo e quindi colpevole quanto gli altri per i fondi persi, per la “non politica” espressa e per tutta quella serie di operazioni autolesioniste volte solo al mantenimento di una poltrone che al perseguimento del bene comune. Quanto al fatto che l’UDC si propone come alternative a Musumeci, questa è ancora una mezza verità. Sia Crocetta, Miccichè e Musumeci, portano in se il seme del nefandismo lombardiano quindi chiunque dei tre vincerà, consegnerà nuovamente la Sicilia a Lombardo il che è tutto dire. Gente come Zambuto dovrebbe stare alla larga da certi partiti per non finire nel calderone degli incapaci…o altro.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.