CulturaPrimo Piano

“Il mare rubato”: dagli storici Bagni Italia alla discarica sulla costa di Palermo

Foto internet

C’era una volta la spiaggia di Romagnolo; e c’era lo stabilimento balneare Bagni Italia dov’era possibile persino noleggiare un costume per fare il bagno in un mare azzurro e pulito.

Tutto questo accadeva negli anni Sessanta, prima che il cosiddetto “sacco di Palermo” trasformasse la costa in discarica di materiale di risulta e rubasse la sabbia per usarla, al posto del cemento, nei pilastri dei palazzi in costruzione.

Infine, gli scarichi abusivi hanno completato il disastro trasformando la costa est – da Sant’Erasmo alla Bandita – in una “spiaggia fantasma” come quella dell’omonimo mediometraggio realizzato dal regista palermitano Emilio Orofino con la partecipazione di dodici giovani dei quartieri Settecannoli, Romagnolo, Brancaccio e Sperone.

Il film è stato proiettato (ma non era una prima) al Kalaja club nell’ambito dell’iniziativa “Il mare rubato”, promossa dal giornale di impegno sociale In città, in collaborazione con un gruppo di alunni del Liceo Regina Margherita di Palermo, capitanati dal professore e giornalista Carlo Baiamonte. Un’occasione per fare il punto della situazione a quasi un anno di distanza dell’insediamento della nuova giunta comunale guidata da Leoluca Orlando.

Alla proiezione era presente anche Franco Pennino storico attivista del  Comitato cittadino per il recupero della costa, il quale è stato nominato consulente della nuova giunta proprio per i piani di recupero della costa che – pare – il Comune voglia finalmente intraprendere.

Non sarà tuttavia facile sbrogliare questa intricata matassa che vede altri due protagonisti: la Regione Sicilia, responsabile del porticciolo della Bandita e l’Autorità Portuale responsabile del porticciolo di Sant’Erasmo. Entrambi gli enti non hanno, finora, preso alcun provvedimento a tutela di questo tratto di costa che risulta non fruibile.

Presenti all’happening anche alcune associazioni cittadine impegnate nel sociale e nella tutela dell’ambiente:  Vigliena (Palermo), Nostra Donna del Rotolo (Vergine Maria), Mare Memoria Viva, Spazio Comune 2012 (Bandita), Mobilita Palermo, AtomicaNoGrazie, Il Mare di Sferracavallo, Biosurvey, Riportiamo alla Luce, Palma Nana, WWF Palermo, Comitato Cittadino Recupero della Costa.

Mario Trapani 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.