Cronaca

Il femminicidio non esiste

Foto internet

Alberto di Pisa, noto giudice e procuratore della Repubblica a Palermo, ha parlato del caso mediatico scoppiato al termine del 2012 a proposito della violenza sulle donne. Le polemiche, nate nei scorsi giorni relative alle parole del parroco che aveva additato le donne come le uniche colpevoli dei maltrattamenti e delle violenze subite, sono giunte alle orecchie del togato che si è così espresso: “il femminicidio non esiste. Questa è una categoria inventata dai giornali e dai giornalisti che come sempre hanno una sbrigliata fantasia”.

Ha poi continuato: “nel codice penale non esiste il reato di femminicidio e uccidere un uomo o una donna, davanti alla giustizia penale è la stessa cosa, della medesima gravità. Ecco perché parlare di femminicidio non è esatto. Le ripeto: non si può pensare a una sanzione più grave se questo atto è compiuto in danno della donna, esiste una parità costituzionale.

Non esiste giuridicamente un reato noto con il nome di femminicidio: si tratta forse di un neologismo che ben indica tuttavia un fenomeno, purtroppo, molto diffuso. E’ un termine nato per raccontare senza fronzoli qualsiasi violenza subita dalla donna e che, talvolta, può sfociare in un omicidio”.

Il giudice di Palermo crede che l’uso del termine sia più legato ai meccanismi del giornalismo e delle televisione, troppo interessati all’audience, che all’esigenza di una sensibilizzazione del problema presso le masse.

Marta Gazzarri, Capogruppo Italia dei Valori in Consiglio regionale della Toscana, ha invece voluto sottolineare che il femminicidio esiste ed è “Una piaga silenziosa che minaccia la vita di molte donne italiane”.

Dati alla mano, ha continuato Gazzarri: “Sono duemilasessantuno le donne morte dal 2000 al 2011. Dati choc seppur sottostimati visto che non tengono conto delle moltissime donne ad oggi scomparse, dei ritrovamenti di corpi femminili destinati a non avere un nome, di tutti quei casi ancora irrisolti.

 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.